Turchia: importazioni di coils a caldo in calo a gennaio

giovedì, 11 marzo 2021 13:00:57 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di gennaio di quest'anno le importazioni di coils laminati a caldo in Turchia sono diminuite del 6,8% su base annua, mentre sono cresciute del 35,9% su base mensile, attestandosi a 358.687 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 198,46 milioni di dollari, registrando incrementi del 32,9% su base mensile e del 19,3% su base annua.    

Nel periodo in oggetto la Turchia ha importato 134.139 tonnellate di coils a caldo dalla Russia, volume in crescita dell'8,29% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dall’Ucraina, pari a 122.250 tonnellate.    

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coils a caldo per la Turchia. 

Paese

Volume (t)

 

 

 

Gennaio 2021

Gennaio 2020

Variazione (%)

Russia

134.139

123.873

8,29

Ucraina

122.250

46.563

162,55

Giappone

52.992

19.957

165,53

Francia

29.624

39.006

-24,05

Belgio

6.376

18.867

-66,21

Corea del Sud

4.554

2.250

102,40

Grecia

3.136

-

-

Paesi Bassi

1,551

76.943

-97,98

Spagna

1,276

2.808

-54,56

Germania

1,099

11.136

-90,13


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, la Cina torna a vendere in Turchia

Turchia: importazioni di coils a freddo in diminuzione in gennaio-febbraio

Coils a caldo, la Turchia sospende l'indagine contro le importazioni dall'UE

Coils a caldo: crollo dell'export turco, Italia seconda destinazione

Turchia: export di tondo in aumento in gennaio-febbraio