Turchia: importazioni di acciaio in calo nel 2018

lunedì, 04 febbraio 2019 11:00:30 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall'associazione dei produttori siderurgici turchi (TCUD), a dicembre le importazioni di acciaio in Turchia sono calate del 42% su base annua, ammontando a 766.000 tonnellate. Il valore di queste importazioni è calato del 36% rispetto a dicembre 2017, raggiungendo i 719 milioni di dollari.

Nel dettaglio, le importazioni turche di acciai semilavorati sono calate del 38%, ammontando a 277.000 tonnellate, mentre le importazioni di acciai piani sono calate del 44,4%, raggiungendo le 365.000 tonnellate, in entrambi i casi rispetto a dicembre 2017. Sempre a dicembre 2018, le importazioni di acciai lunghi sono calate del 40% su base annua, ammontando a 74.000 tonnellate.

Nel mese in questione, il volume dell’export turco è stato pari al 227% dei volumi di importazione, mentre nello stesso mese del 2017 era stato pari al 117%.

Prendendo in considerazione invece l’intero 2018, le importazioni turche di acciaio sono calate dell’11,3% ammontando a 14,5 milioni di tonnellate, mentre il valore di tali importazioni è cresciuto del 3,3% ammontando a 12,8 miliardi di dollari; le importazioni di semilavorati sono calate dell’1,5% ammontando a 4,8 milioni di tonnellate, le importazioni di acciai piani sono ammontate a 7,5 milioni di tonnellate, calando del 17%, mentre le importazioni di acciai lunghi sono ammontate a 1,3 milioni di tonnellate, calando del 9,8%. L’import di tubi è invece ammontato a 486.000 tonnellate, calando del 5,4%; tutte le variazioni sono calcolate su base annua.

Lo scorso anno, il volume dell’export turco è stato pari al 138% dei volumi di importazione, rispetto al 108% del 2017.


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nel primo trimestre

Italia prima destinazione delle esportazioni turche di coils a caldo

Turchia: export di vergella in calo nel primo trimestre 2020

Turchia: export di tondo in aumento nel primo trimestre 2020

Turchia: in crescita l'import di rottame nel primo trimestre 2020