Turchia: import di coils a freddo in calo nei primi quattro mesi del 2019

venerdì, 21 giugno 2019 15:35:14 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati riportati dall’istituto di statistica turco (TUIK) la Turchia ha importato 78.930 tonnellate di coils laminati a freddo (CRC), registrando aumenti del 43,7% rispetto a marzo e del 24,9% su base annua. Il valore generato da queste importazioni è ammontato a 47,5 milioni di dollari, in crescita del 45,9% su base mensile e dell’11,1% su rispetto ad aprile 2018.

Nel corso dei primi quattro mesi dell’anno l’import di CRC è sceso del 12,7% raggiungendo le 219.937 tonnellate, per un valore complessivo di 137,53 milioni di dollari (-17,5%); variazioni rispetto al periodo gennaio- aprile del 2018.

Nello stesso periodo sono state importate 219.937 tonnellate di coils a freddo, il 12,7% in più su base annua, dalla Russia, principale fonte per la Turchia, cui è seguita la Romania con 19.961 tonnellate fornite.

Le principali fonti di importazione di CRC per la Turchia nel periodo gennaio-aprile 2019 sono state le seguenti:

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-Aprile 2019

Gennaio- Aprile 2018

Variazione (%)

Aprile 2019

Aprile 2018

Variazione (%)

Russia

129.834

96.477

34,58

42.425

30.711

38,14

Romania

19.961

25.867

-22,83

7.400

7.943

-6,84

Belgio

17.042

32.576

-47,69

11.309

3.899

190,05

Giappone

15.765

218

-

6.051

56

-

Olanda

7.466

8.781

-14,98

1.514

2.316

-34,63

Cina

6.995

12.173

-42,54

-

5

-


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran