Turchia: calo delle importazioni di rottame a gennaio rispetto a dicembre

giovedì, 04 marzo 2021 17:45:13 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A gennaio di quest'anno le importazioni di rottame in Turchia sono aumentate del 18,4% su base annua ma diminuite del 13,91% rispetto a dicembre 2020, ammontando a 2,006 milioni di tonnellate. I dati sono stati pubblicati dall'associazione dei produttori siderurgici turchi (TCUD). Le acciaierie turche hanno posticipato a marzo le spedizioni del materiale acquistato a fine 2020, causando un calo dei volumi di importazione rispetto ai mesi precedenti. Ciononostante, il valore delle stesse importazioni a gennaio ha superato i 680 milioni di dollari (+47,5% annuo). 

Nello stesso mese l'UE è rimasta la principale fonte di rottame con una quota del 46,8% sul totale delle importazioni turche. Dopo la Brexit, il Regno Unito è stato inserito nella voce "altri".

    

Volumi importati in gennaio 2021   
(milioni di tonnellate)   

Var. annua (%)   

USA   

195 

-38,1 

UE   

978 

+2,4 

CIS   

163 

+56,4 

Altri   

578 

+118,1 

Totale   

2.006 

+18,4 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, il numero di carichi di rottame ordinati in Turchia per febbraio è stato superiore rispetto al dato di gennaio. 


Ultimi articoli collegati

Rottame, in gennaio-febbraio aumento dei volumi importati in Turchia

Turchia: incrementi di prezzo sul mercato del rottame

Turchia: inversione di trend per il rottame da cantieristica navale

Turchia: import di coking coal in crescita a gennaio

Turchia: importazioni di minerale ferroso in forte crescita a gennaio