Turchia: avviato riesame del dazio antidumping sulle importazioni di tubi ss cinesi

martedì, 03 agosto 2021 12:29:25 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Turchia, secondo quanto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del paese, ha avviato riesame del dazio antidumping in vigore sulle importazioni di tubi senza saldatura originari della Cina. 

Il riesame è stato avviato su richiesta del produttore turco Sardoğan Endüstri ve Ticaret, secondo il quale l'abolizione del dazio potrebbe comportare ulteriori pratiche di dumping e quindi un pregiudizio per l'industria siderurgica turca.

Le misure antidumping definitive attualmente in vigore sui tubi ss cinesi furono istituite nel 2016 e ammontano a 100-120 $/t a seconda del produttore/esportatore.

I prodotti in oggetti sono attualmente classificati con i codici doganali 7304.19.10.00.11, 7304.19.10.00.12, 7304.31.20.10.00, 7304.31.20.90.00, 7304.31.80.10.00,734.31.80.90.00, 7304.39.10.00.00, 7304.39.92.10.00, 7304.39.92.90.00, 7304.51.12.00.00, 7304.51.81.10.00, 7304.51.81.90.00, 7304.51.89.10.00, 7304.51.89.90.00, 7304.59.10.00.00, 7304.59.32.00.00, 7304.59.38.00.00, 7304.59.92.90.00, 7304.90.00.10.00 and 7304.90.00.90.00.


Ultimi articoli collegati

USA: concluso il riesame dei dazi antidumping sui tubi saldati per condotte coreani

Turchia: export di tubi saldati longitudinalmente segna +23,3% in gennaio-agosto

USA, revocata l'indagine sui dazi compensativi per il tondo turco

USA: risultati preliminari dell'indagine antidumping sugli OCTG dalla Corea del Sud

Pronti i risultati preliminari della revisione USA sui dazi CVD per i tubi spessorati turchi