Tribunale brasiliano nega il congelamento dei beni di Vale

mercoledì, 07 ottobre 2020 11:52:00 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Buone notizie per il gruppo minerario Vale. Un tribunale brasiliana ha negato una richiesta di congelamento beni presentata dalle autorità statali e federali in merito al crollo della diga di Mariana.

I pubblici ministeri, lo stato del Minas Gerais, l'Ufficio del Difensore Pubblico del Minas Gerais, l'Ufficio del Procuratore Federale brasiliano e l'Ufficio del Procuratore Generale (AGU) avevano intentato una causa chiedendo il congelamento di beni di Vale per un valore di 26,7 miliardi di real brasiliani (4,7 miliardi di dollari). 

Il giudice ha dichiarato che Vale, oltre ad aver collaborato attivamente per riparare i danni del disastro di Mariana, ha anche messo a disposizione 10 miliardi di real in contanti affinché degli esperti possano essere pagati per indagare ulteriormente sull'esplosione mortale della diga di minerale di ferro.


Ultimi articoli collegati

Vale, produzione di minerale ferroso in crescita nel terzo trimestre

Brasile: l'agenzia mineraria ferma quarantacinque dighe

Export di minerale ferroso brasiliano in forte crescita a settembre

Brasile: ricorso contro l'accordo tra Vale e l'ufficio del procuratore generale

Tribunale brasiliano ordina a Vale due sospensioni di attività