ThyssenKrupp e Wilhelmsen, joint venture per la produzione additiva di ricambi per navi

giovedì, 08 ottobre 2020 15:23:45 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il produttore siderurgico tedesco ThyssenKrupp e la società di manutenzione marittima norvegese Wilhelmsen hanno firmato nei giorni scorsi una lettera di intenti per costituire una joint venture per la produzione additiva (Additive Manufacturing) di parti e ricambi per navi. 

ThyssenKrupp ha dichiarato che le flotte marittine spendono circa 13 miliardi di dollari all'anno in parti di ricambio e che «poiché il 50% delle navi ha più di 15 anni, la disponibilità di parti è limitata. Questo rende l'evasione degli ordini di pezzi di ricambio marittimi costosa e complicata e, in effetti, le spese generali della catena di approvvigionamento possono spesso superare di gran lunga il costo del pezzo stesso». Inoltre, ha continuato il produttore tedesco, «i processi di produzione tradizionali come la lavorazione a macchina e la fusione spesso comportano lunghi tempi di consegna che durano anche mesi. Di conseguenza, i gestori delle navi devono trasportare elevati livelli di stock di parti per garantire che possano evadere gli ordini, con conseguenti elevati costi di capitale».

La produzione additiva «rappresenta una soluzione a questi problemi poiché migliora i tempi di consegna e riduce i costi, poiché i componenti vengono fabbricati vicino al luogo in cui si trova la nave e in poche settimane, a volte in pochi giorni» ha spiegato ThyssenKrupp. 

Hakon Ellekjaer, Head of Venture, 3D Printing di Wilhelmsen, si è detto entusiasta di «entrare nella prossima fase del nostro viaggio nella stampa 3D, mano nella mano con ThyssenKrupp». Wilhelmsen ritiene che «questa joint venture assumerà il ruolo guida di fornitore di fatto di pezzi di ricambio marittimi stampati in 3D, continuando a portare i vantaggi della tecnologia della produzione additiva alle società di navigazione e riducendo sia il costo dei pezzi di ricambio sia l'impatto ambientale». 

La JV avrà sede a Singapore, ma punterà ad offrire i suoi servizi a numerosi porti di tutto il mondo. Wilhelmsen Ship Service è già uno dei maggiori fornitori di servizi logistici per l'industria delle spedizioni a livello globale.


Ultimi articoli collegati

Acciaio, Worldsteel prevede un calo della domanda del 2,4% per quest'anno

Ex Ilva, Banzato (Federacciai): sì allo stato traghettatore, non imprenditore

AST Terni, ThyssenKrupp sceglie J.P. Morgan come advisor per la vendita

UE: dazio antidumping definitivo sui coils inox provenienti da Indonesia, Cina e Taiwan

Tenova: ordine da ThyssenKrupp per un forno walking beam