Thailandia: confermato dazio antidumping sui coils a caldo da 14 paesi

venerdì, 11 giugno 2021 11:32:19 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il Dipartimento del Commercio estero della Thailandia ha annunciato i risultati definitivi del riesame del dazio antidumping sulle importazioni di determinati coils laminati a caldo provenienti da una serie di paesi. Il Dipartimento ha deciso che il dazio in questione rimarrà in vigore con aliquote fino al 128,11% per un periodo di cinque anni.

Il riesame è iniziato a maggio dello scorso anno su richiesta dei produttori locali. Ha riguardato gli HRC esclusi i prodotti destinati ad essere utilizzati nei settori degli elettrodomestici e dell’automotive.

Paese

Aliquota dazio AD (%)

Algeria

33,26

Argentina

37,94-53,09

India

20,02-31,92

Indonesia

24,48

Giappone

0-36,25

Kazakistan

68,11-109,25

Romania

27,95

Russia

24,20-35,17

Corea del Sud

2,81-58,85

Slovacchia

51,95

Sudafrica

128,11

Taiwan

3,45-25,15

Ucraina

30,45-67,69

Venezuela

78,44

Nel frattempo, a seguito di un’altra indagine antidumping, la Thailandia ha deciso di non istituire alcun dazio sugli zincati a caldo originari della Cina.


Ultimi articoli collegati

Hoa Phat Group chiude il primo semestre in crescita

Coils a caldo: il calo della domanda in Europa spinge Severstal a ridurre i prezzi

Turchia: importazioni di coils a caldo quasi triplicate a maggio

Coils a caldo, entra in vigore nell'Ue il dazio antidumping contro la Turchia

Turchia: esportazioni di coils a caldo in crescita a maggio