Tenaris, "rosso" da 642 milioni di dollari nel 2020

giovedì, 25 febbraio 2021 17:49:19 (GMT+3)   |   Brescia
       

Tenaris, produttore internazionale di tubi in acciaio con sede in Lussemburgo, ha comunicato di aver chiuso il 2020 con ricavi in contrazione del 29%, pari a 5,15 miliardi di dollari, e una perdita netta di 642 milioni contro l'utile di 731 milioni di dollari registrato nell'anno precedente. L'EBITDA allo stesso tempo è sceso a 638 milioni di dollari (-53%).

Le vendite annuali, ha spiegato l'azienda, sono state «gravemente impattate dalla pandemia di Covid-19, dalle misure decise per contenerla e dall'effetto che questo ha avuto sulla domanda di petrolio, che ha causato un collasso dei prezzi e un rapido aumento delle scorte in eccesso».

Tenaris ha stimato una graduale ripresa dei ricavi nel corso dell'anno, mentre il margine operativo lordo dovrebbe tornare a crescere dal secondo trimestre. Nell'attuale contesto la società prevede «una graduale ripresa delle vendite per gran parte dell'anno». Tuttavia, nel nel primo trimestre l'EBITDA «sarà influenzato per circa 20 milioni di dollari da costi aggiuntivi e perdite di produzione negli Stati Uniti e in Messico associate alla carenza di gas e energia elettrica del Texas di questo mese».


Ultimi articoli collegati

Metalmeccanici: 95% dei lavoratori approva il nuovo contratto

Ex Ilva, si sblocca l'ingresso di Invitalia: nasce Acciaierie d'Italia

Import di tubi per condotte in calo negli USA da gennaio a febbraio

Liberty Steel, il governo britannico respinge la richiesta di aiuti

Liberty Steel, governo britannico pronto pronto ad intervenire