Tata Steel punta all'idrogeno per il proprio stabilimento nei Paesi Bassi

venerdì, 17 settembre 2021 12:35:33 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il gruppo siderurgico indiano Tata Steel ha previsto un futuro «pienamente sostenibile» per il suo impianto a IJmuiden, nei Paesi Bassi, attraverso l'impiego dell'idrogeno. L'obiettivo è quello di ridurre le emissioni di CO2 di 5 milioni di tonnellate all'anno entro il 2030. Per raggiungerlo, verrà adottata la tecnologia DRI, in grado di produrre ferro utilizzando gas naturale o idrogeno, prima che questo sia convertito in acciaio in uno o più forni elettrici nei quali l'azienda investirà in futuro. 

T.V. Narendran, CEO e amministratore delegato di Tata Steel e presidente del consiglio di sorveglianza di Tata Steel Netherlands, ha dichiarato: «Siamo molto consapevoli della responsabilità dell'industria siderurgica nell'aiutare a raggiungere gli obiettivi climatici globali. Scegliendo l'idrogeno come tecnologia per produrre acciaio nei Paesi Bassi, vogliamo compiere un importante passo strategico per rendere la nostra produzione di acciaio più sostenibile. Sosteniamo pienamente le misure che devono essere prese dalla direzione di IJmuiden. Il percorso di decarbonizzazione a IJmuiden ci aiuterà anche a tracciare la futura tabella di marcia di transizione degli altri stabilimenti siderurgici integrati di Tata Steel». 


Ultimi articoli collegati

Interpipe: prima consegna di ruote ferroviare per passeggeri nei Paesi Bassi

Voestalpine investe in una nuova linea di decapaggio a Linz

Svezia: Ovako "carbonicamente neutrale" da gennaio 2022

ArcelorMittal: da Belgio e Fiandre fondi per un impianto DRI e due forni elettrici

La BEI finanzia i progetti di ricerca e sviluppo di ArcelorMittal