Tata Steel, anche gli stabilimenti esteri tornano ad elevati livelli di produzione

mercoledì, 28 ottobre 2020 12:49:31 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Il CEO di Tata Steel T. V. Narendran ha dichiarato oggi che la società, dopo aver quasi raggiunto in India il 100% dei livelli di utilizzo della capacità produttiva, si sta avvicinando a livelli di capacità ottimali anche nel resto del mondo.

Narendran ha affermato che le acciaierie a Singapore e in Tailandia sono «prossime alla massima capacità produttiva», mentre gli stabilimenti nel Regno Unito e nei Paesi Bassi sono tornati ai livelli di utilizzo del 70-80%. «Il prossimo anno si vedrà una forte domanda di acciaio», ha aggiunto.

Secondo il CEO, nonostante le vendite di acciaio in India siano calate del 20%, la rapida ripresa della Cina ha supportato l’industria siderurgica globale. Tuttavia, poiché la produzione di acciaio in Cina è aumentata e la domanda è in ripresa in India, Narendran ha sottolineato che Tata Steel non sta effettuando esportazioni nel paese asiatico. 


Ultimi articoli collegati

JSW Steel avvia acquisizione terreni per progetto "greenfield"

Tata Steel "prova" ad importare coking coal dalla Russia

India: Tata Steel potrebbe acquisire una società statale in difficoltà

Tata Steel progetta la fusione di più società del gruppo

India: cresce l'import di coking coal tra settembre e ottobre