Tassa sulle frontiere: l’Ue alza l’obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio per il 2030

lunedì, 19 dicembre 2022 18:07:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il 17 dicembre, il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno concordato di rivedere il Sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’Ue (EU ETS) a seguito dell’accordo sul Meccanismo di aggiustamento del carbonio alle frontiere (CBAM).

Con il precedente accordo, il Parlamento e il Consiglio mirano ad equiparare il prezzo del carbonio pagato per i prodotti dell’Ue che operano nell’ambito dell’ETS e il prezzo per i prodotti importati, come riportato in precedenza da SteelOrbis.

Secondo la revisione, le emissioni nei settori ETS saranno ridotte del 62% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Si tratta di un aumento sostanziale rispetto alla riduzione del 43% prevista dalla legislazione vigente. Anche la velocità delle riduzioni annuali delle emissioni aumenterà, passando dal 2,2% annuo del sistema attuale al 4,3% dal 2024 al 2027 e al 4,4% dal 2028. L’accordo prevede la graduale eliminazione delle quote di emissione gratuite per alcune imprese e l’introduzione graduale del CBAM tra il 2026 e il 2034 per i settori interessati.

L’Associazione dei produttori europei di acciaio (EUROFER) ha dichiarato che le misure riviste forniscono maggiori incentivi per l’adozione di tecnologie a basse emissioni di carbonio, come la riduzione diretta del ferro con l’utilizzo di idrogeno verde, pur mantenendo la necessità di un’efficace protezione dalle emissioni di carbonio nella transizione dalle tecnologie attuali. EUROFER avverte che, se non si troverà una soluzione concreta per contrastare i rischi di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio nei mercati di esportazione prima del 2026, una traiettoria predefinita di eliminazione delle assegnazioni gratuite metterà a rischio le esportazioni di acciaio dell’Ue per un valore di 45 miliardi di euro, a causa dell’aumento esponenziale del prezzo del carbonio nell’Ue.


Articolo precedente

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Prodotti lunghi nell’Europa meridionale: manca la domanda, il tondo cala ancora

27 gen | Lunghi e billette

Romania, Liberty Galati: nuovi progetti di digitalizzazione e automazione

27 gen | Notizie

Coils laminati a caldo: in aumento i prezzi nell’Europa meridionale

27 gen | Piani e bramme

Romania, prodotti lunghi: i commercianti puntano sugli sconti per rilanciare il commercio, attivo l’import importazioni

26 gen | Lunghi e billette

Acciaierie d’Italia: gli obiettivi di produzione per il 2023 e il 2024

25 gen | Notizie

La serba Hefestos Capital acquisisce TMK Artrom con sede in Romania

24 gen | Notizie

Tre grandi acciaierie interessate agli stabilimenti di Liberty Liège

24 gen | Notizie

Germania, in calo la produzione di acciaio nel 2022

24 gen | Notizie

Ue: Eurostat, produzione edile in calo a novembre

23 gen | Notizie