Svezia: LKAB investirà in impianti per la produzione di minerali strategici

venerdì, 06 luglio 2018 11:14:30 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il produttore di minerale di ferro svedese LKAB ha annunciato che investirà in stabilimenti pilota e che industrializzerà una tecnologia innovativa per sfruttare gli scarti minerari derivanti dalla produzione di minerale ferroso. Questa potrebbe permettere la produzione di fosforo e di metalli delle terre rare, che nell’Unione Europea sono classificati come minerali strategici, di particolare importanza per l’industria.

Secondo LKAB, i due impianti pilota iniziali sono così progettati: un impianto situato in giacimenti di minerale per produrre un concentrato di apatite, e un altro, situato possibilmente a Uppsala, per migliorare il concentrato. Entrambi entreranno in funzione nel 2019 e lo rimarranno fino al 2020.

“I minerali di LKAB contengono apatite, così come elementi delle terre rare. Non era proficuo estrarli da materiali di scarto e fanno parte del materiale che è attualmente depositato in bacini di sabbia. Assieme alla società di servizi ambientali Ragn-Sells, stiamo creando le condizioni per industrializzare un processo di estrazione che sia redditizio. Costruiremo quindi impianti su vasta scala, dove la sabbia dove sono situati gli scarti possa essere ricircolata e trasformata in minerali strategicamente importanti senza la necessità di creare nuove miniere”, ha dichiarato Jan Moström, presidente ed amministratore delegato di LKAB.


Ultimi articoli collegati

Buona la domanda di tondo in Polonia

NLMK ripristina le attività a Stoilensky GOK

Rottame: prezzi previsti in aumento in Germania, in calo in Polonia

Minerale di ferro, prezzi al 16 settembre

BPH punta a ridurre le emissioni del 30 per cento entro il 2030