SMS group acquisisce le bresciane OMAV e Hydromec

mercoledì, 07 ottobre 2020 14:52:02 (GMT+3)   |   Brescia
       

SMS group, produttore tedesco di impianti e macchinari, ha acquisito le società italiane OMAV Spa di Rodengo Saiano (BS) e Hydromec Srl di Gussago (BS). La prima già dal 2011 collaborava come partner strategico di SMS nella fornitura di impianti di estrusione completo per l'alluminio. Hydromec è invece specializzata nella progettazione e costruzione di presse per fucinatura e laminatoi ad anelli per la formatura a caldo di ottone, alluminio e acciaio. OMAV è diventata una filiale del gruppo SMS controllata al 100% alla fine di settembre, mentre Hydromec è stata acquisita subito dopo per il 70%. Le due società, pur facendo parte del gruppo SMS, continueranno ad operare mantenendo il proprio nome. Le due sussidiarie contano in totale 245 dipendenti. 

Il gruppo SMS ha così ampliato il proprio portafoglio prodotti e ora, si legge in un comunicato aziendale, «è in grado di fornire linee di estrusione complete e impianti di forgiatura, con tutte le unità a monte e a valle, e con la tecnologia di processo da un'unica fonte, con un alto grado di automazione e includendo soluzioni di digitalizzazione integrate». 

Nel dare il suo benvenuto ai dipendenti di OMAV e Hydromec, Thomas Winterfeldt, Business Area Manager Forging Technology presso il gruppo SMS, ha affermato che i clienti «beneficeranno sia dall'offerta congiunta di prodotti esistenti sia delle innovazioni, degli sviluppi e del servizio mondiale del gruppo SMS». 

Ivan Losio, Partner EY Advisor dell'operazione, ha descritto l'acquisizione delle due aziende come «un'operazione complessa, visto anche il periodo Covid, ma veramente win-win per tutti gli attori coinvolti» poiché «permette di coniugare l'aspetto dimensionale di massa critica ed internazionalità apportato da un gruppo come SMS con elementi di qualità, efficienza dei modelli produttivi e di genio imprenditoriale tipici delle nostre realtà bresciane e, più in generale, italiane».


Ultimi articoli collegati

Federacciai: bene l'indagine UE contro i piani inox indiani e indonesiani

Ex Ilva, Banzato (Federacciai): sì allo stato traghettatore, non imprenditore

Alessandro Banzato: bene Recovery Fund, nuovo MES e SURE ma necessario agire subito

Federacciai: 2020 insoddisfacente per volumi e redditività

Assofond: produzione in calo del 28,5% in gennaio-luglio