Salvaguardia Ue: l'India chiede spiegazioni riguardo alla proroga

martedì, 29 giugno 2021 11:16:50 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Il governo indiano ha chiesto consultazioni con l'Unione europea per ottenere maggiori spiegazioni in merito all'estensione per tre anni della salvaguardia sulle importazioni di acciaio. Lo ha riferito oggi 29 giugno un funzionario del governo dell'India. La questione potrebbe essere sollevata anche al WTO, a seconda dell'esito delle consultazioni.

Il funzionario ha affermato che le misure di salvaguardia agiranno da barriera alle esportazioni siderurgiche indiane per i prossimi tre anni.

Il governo indiano sostiene che le misure – che fissano per varie categorie di prodotto contingenti tariffari oltre i quali sarà imposto un dazio aggiuntivo del 25% – avranno un impatto negativo sui produttori/esportatori di acciaio indiani dal momento che l'India non è nell'elenco dei paesi esentati. 

In una comunicazione all'Ue e a WTO, il governo indiano ha chiesto consultazioni per riesaminare le informazioni fornite, ai sensi dell'articolo 12.2 relativo ai danni subiti dall'industria del paese, per avere uno scambio di opinioni sulle misure e per raggiungere un'intesa sui modi per raggiungere obiettivi di estensione delle concessioni ai paesi esportatori interessati dalle misure.


Ultimi articoli collegati

India: riesame anche per i dazi antidumping sulla vergella cinese

India: al via riesame per i dazi antidumping sui PPGI provenienti da Cina e Ue

India: importazioni di acciaio in diminuzione negli ultimi tre anni

India: JSPL investirà 135 miliardi di dollari nella sua acciaieria nell'Orissa

Tata Steel, produzione di acciaio in crescita del 55% nel periodo aprile-giugno