Salvaguardia UE, la Turchia ha consumato oltre il 50% della quota sulla vergella

giovedì, 04 luglio 2019 17:38:04 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Turchia ha già utilizzato 156.618 tonnellate della quota fissata dalla salvaguardia UE per l'import di vergella nel periodo compreso tra il 1° luglio  2019 e il 1° luglio 2020. È quanto emerge dagli ultimi dati forniti dalle autorità doganali dell'UE. Il contingente per le importazioni di vergella dalla Turchia nel periodo specificato ammonta a 312.081 tonnellate. Nel frattempo, vi sono ancora 14.523 tonnellate di vergella turca in attesa presso i porti europei. 

Per quanto riguarda il tondo, gli esportatori turchi hanno consumato 114.177 tonnellate della quota che ammonta a 301.537 tonnellate. 

Passando ai prodotti piani, gli esportatori turchi hanno utilizzato circa il 90% della quota relative ai fogli con rivestimento organico (50.668 tonnellate su 56.161), mentre hanno esaurito completamente la quota relativa ai fogli e nastri laminati a freddo in acciaio inox.

Gli esportatori della penisola anatolica avranno la possibilità di attingere alle quote degli "altri paesi" a partire dal 1° aprile, se vi saranno volumi rimanenti. 


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia