Russia: un'accisa sull'acciaio prodotto sostituirà l'attuale dazio sull'export

martedì, 30 novembre 2021 11:17:34 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Duma di Stato, ossia la camera bassa dell'Assemblea federale della Federazione Russa, ha proposto l'introduzione di un'accisa sulla produzione di acciaio in sostituzione dell'attuale dazio all'esportazione del 15% a partire dal 1° gennaio 2022. 

La nuova tassa si baserà sui prezzi per l'export di bramme e billette, nonché sui prezzi locali del rottame. Dopo l'approvazione da parte della camera bassa dell'Assemblea federale lo scorso 18 novembre, si attende ora quella del Consiglio federale, ossia la camera alta, cui seguirà la firma del presidente. 

Nel caso dei produttori da altoforno, l'accisa sarà calcolata come prezzo medio mensile all'esportazione delle bramme in dollari, su base FOB porti del distretto federale meridionale della Russia, moltiplicato per un tasso di royalty di 0,027 e la media mensile del tasso di cambio dollaro/rublo. L'accisa sarà pari a zero nel caso in cui il prezzo delle bramme scenda sotto i 300 $/t FOB. 

Parlando di acciaio prodotto mediante forno elettrico ad arco, l'accisa non si baserà sulle bramme, bensì sul prezzo di rottame, billette e ferroleghe. Sarà calcolata come prezzo medio mensile all'esportazione delle billette in dollari, su base FOB porti del distretto federale meridionale della Russia, moltiplicato per il tasso di cambio medio mensile dollaro/rublo. A questo importo verranno dedotti il prezzo CPT medio mensile dei rottami da fusione pesante (grado A3) nel distretto federale degli Urali e lo storico scarto di 12.500 rubli tra billette e rottame, nonché il 50% delle spese mensili medie degli stabilimenti EAF per ferroleghe e additivi per leghe. Il risultato finale verrà quindi moltiplicato per un tasso di royalty di 0,3. 
In questo caso il livello massimo dell'accisa non potrà superare i 1.000 rubli la tonnellata, il che proteggerà i produttori EAF dalle oscillazioni di valuta. 
Alcune aziende, in particolare nel settore dei macchinari, saranno esentate dal pagamento dell'imposta.

In conclusione, la nuova tassa riguarderà l'acciaio prodotto, non più quello venduto. Tuttavia, la reazione generale del mercato a questa notizia è migliore rispetto a quella avuta nei confronti del dazio all'esportazione introdotto lo scorso agosto. «Certo, si tratta di un'altra restrizione, ma ci siamo abituati – ha affermato un produttore –. [La nuova tassa] influenzerà anche le vendite locali e la produzione dovrà essere gestita con ancora più attenzione. Tuttavia, avrà un effetto meno dirompente rispetto all'attuale tassa sulle esportazioni. Peserà meno di quanto stia pesando il dazio del 15% sull'export in soli cinque mesi».


Articolo precedente

Russia: prolungate le restrizioni per l’export di rottame

02 ago | Notizie

La Russia modifica la politica commerciale delle esportazioni di rottame

01 giu | Notizie

Australia, dal 25 aprile tariffa aggiuntiva sulle importazioni da Russia e Bielorussia

04 apr | Notizie

Russia approva dazio di 290 €/t sull'export di rottame

30 mar | Notizie

Russia: aumentato il dazio sull'export di rottame

01 dic | Notizie

Rottame: dal 1° gennaio la Russia alzerà il dazio sulle esportazioni

16 nov | Notizie

Russia annuncia modifiche alla tassa sull'estrazione dei minerali

17 set | Notizie

Dazi Russia: per le autorità potrebbero non essere necessari dopo il 31 dicembre 2021

01 set | Notizie

La Russia abbassa i dazi sulle esportazioni di ghisa

22 lug | Notizie

Russia: approvato il dazio sulle esportazioni di acciaio

28 giu | Notizie