Rottame, l'Unione economica eurasiatica pensa a un divieto all'export

venerdì, 04 giugno 2021 12:34:02 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Commissione economica eurasiatica terrà un'audizione il 15 giugno sull'opportunità di imporre un divieto alle esportazioni di rottami ferrosi dai suoi paesi membri, ovvero Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan.
L'iniziativa mira a garantire che i produttori di acciaio locali dispongano di adeguate forniture di rottame e suggerisce di vietare le esportazioni di rottame dai suddetti paesi fino al 15 gennaio 2022. L'idea nasce dal significativo incremento dei prezzi globali dei rottami di acciaio, in particolare in Turchia, che ha reso gli esportatori sempre più desiderosi di vendere all'estero per ottenere margini più elevati.

Di recente la Russia ha aumentato il dazio sulle esportazioni di rottame a 70 €/t dai precedenti 45 €/t. Secondo alcune fonti, il divieto in discussione rappresenta un altro passo nel rafforzamento del sistema di regolamentazione delle esportazioni di rottame, mentre altre fonti ritengono che non sia un'idea praticabile. Una misura del genere infatti potrebbe provocare misure di ritorsione da parte dei paesi importatori e finire col danneggiare altri settori. «Forse [i paesi dell'Unione economica eurasiatica] arriveranno a fissare delle quote come nel 2019 – ha commentato una fonte –. Prima però la tassa di 70 €/t deve essere applicata e deve rivelarsi inefficace, cosa che richiederà circa due o tre mesi. Solo a quel punto si potrà decidere come procedere».


Ultimi articoli collegati

Metalloinvest, contratto con Primetals per un impianto HBI da 600 milioni di dollari

Elettrodi di grafite, l'Ue istituisce un dazio antidumping provvisorio contro la Cina

Severstal: in gennaio-settembre produzioni in crescita, vendite di semilavorati quadruplicate

Nucor acquisisce due stabilimenti per la frantumazione del rottame

Giappone: esportazioni di rottame in calo del 14,7% nel periodo gennaio-agosto