Rodacciai premia i dipendenti per i risultati del 2018

lunedì, 15 luglio 2019 12:10:52 (GMT+3)   |   Brescia
       

A seguito dei risultati positivi conseguiti nel 2018, Rodacciai, azienda con sede a Bosisio Parini (LC), ha deciso di premiare i propri dipendenti un contributo sul welfare di 300 euro a testa. Questi andranno ad aggiungersi a quanto già previsto dal premio di risultato.

«Se un'azienda va bene, è merito anche delle sue risorse umane. Condividere con chi, tutti i giorni, lavora in Rodacciai la soddisfazione per i positivi risultati raggiunti significa anche, per l'azienda e per la proprietà, dare valore economico all'impegno profuso». Così Mauro Califano, direttore delle risorse umane, all'indomani della sottoscrizione dell'accordo tra l'azienda e le organizzazioni sindacali riguardante lo stanziamento aggiuntivo sui risultati dello scorso anno. L'accordo riguarda i lavoratori di Bosisio Parini e di Sirone. 

Rodacciai fa parte del Gruppo Rodasteel, al cui interno figura anche Olarra, storica acciaieria spagnola specializzata nella produzione di acciai inossidabili. Rodacciai produce una vasta gamma di acciai: automatici, da cementazione, da bonifica, da tempra superficiale, inossidabili e da saldatura. A Sirone, Rodacciai dispone di un laminatoio volto alla lavorazione degli acciai necessari al fabbisogno interno. 

Il gruppo nel 2018 ha venduto 352.000 tonnellate di acciai speciali e registrato ricavi netti pari a 632 milioni di euro (contro i 526,7 dell'anno precedente). Il miglioramento è stato attribuito in parte all'aumento del prezzo medio rispetto al 2017, in parte ai maggiori volumi di vendita. Il margine operativo lordo (EBITDA) è stato di 70,3 milioni di euro (11,3% sul fatturato), in crescita del 29,8% rispetto al 2017.

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

EUROFER, nuovo appello alla Commissione europea per la riduzione delle quote di salvaguardia

ArcelorMittal Italia, sindacati chiedono incontro con il governo

ThyssenKrupp si riorganizza, Acciai Speciali Terni verso la vendita

Istat: a marzo crollata la produzione industriale

Confcommercio: quasi 270mila imprese rischiano la chiusura definitiva