Produttore brasiliano CSN in perdita il primo trimestre 2020

lunedì, 18 maggio 2020 16:58:43 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Il produttore siderurgico brasiliano Companhia Siderurgica Nacional (CSN) ha comunicato di essere passato da un utile netto di 87 milioni di real brasiliani (14,8 milioni di dollari) nel primo trimestre 2019 a una perdita netta di 1,31 miliardi di real brasiliani ( 224,6 milioni di dollari) nel primo trimestre 2020.

Nonostante l'impatto della pandemia di coronavirus sui volumi di vendita, a partire dalla terza settimana di marzo in poi, CSN ha attribuito la perdita a oneri non operativi e non relativi al flusso di cassa, nonché alla svalutazione delle azioni del suo produttore di acciai piani Usiminas.

CSN ha dichiarato che i ricavi netti nel primo trimestre sono diminuiti dell'11% su base annua a 5,33 miliardi di real brasiliani (913,7 milioni di dollari). I volumi di vendita di acciaio nel primo trimestre hanno raggiunto i 1,14 milioni di tonnellate, dato in calo del 3% su base annua. I volumi delle vendite di minerale di ferro nel primo trimestre di quest'anno sono scesi del 37% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, a 5,60 milioni di tonnellate. L'EBITDA infine è diminuito del 23%, a 1,33 miliardi di real brasiliani (227,8 milioni di dollari).


Ultimi articoli collegati

Agenzia mineraria brasiliana fissa nuove regole per il monitoraggio delle dighe

Severstal punta a nuovi mercati partendo dal Brasile, di recente la prima vendita a CSN

Produttori brasiliani annunciano aumenti sui prezzi dei piani

Vale evacua residenti vicino a cinque dighe in via precauzionale

Brasile: Brumadinho limita le attività delle aziende minerarie