Pomini Tenova completa una commessa per il produttore vietnamita Hoa Phat Group

mercoledì, 24 giugno 2020 12:56:49 (GMT+3)   |   Brescia
       

Pomini Tenova, azienda con sede a Castellanza (Varese) facente parte del Gruppo Techint, ha annunciato di aver completato lo scorso aprile l'installazione di tre rettificatrici per cilindri di laminazione per il produttore siderurgico vietnamita Hoa Phat Group. 

I macchinari sono stati installati presso il nuovo laminatoio a caldo di Hoa Phat nella provincia di Quảng Ngãi. «La scelta della nostra tecnologia per il nuovo sito produttivo di Hoa Phat conferma la buona qualità della relazione che siamo riusciti a stabilire con il Gruppo Hoa Phat nel corso degli anni, rendendo Pomini un partner affidabile – ha dichiarato Ermanno Croci, Area Salees Manager and Revamping di Pomini Tenova –. Siamo particolarmente soddisfatti di questo progetto poiché, nella sua ultima fase, abbiamo affrontato diverse sfide a causa dello scoppio dell'emergenza COVID-19. Tuttavia, l'abbiamo completato con successo».

Con questa commessa, il numero dei macchinari forniti da Pomini Tenova in Vietnam a diversi clienti ha raggiunto il numero di diciotto. Tenova ha dichiarato che il buon esito dell'operazione conferma il crescente dinamismo del paese del Sud-est asiatico nel settore siderurgico. «Il mercato vietnamita è sempre più alla ricerca di tecnologie avanzate per soddisfare la domanda del mercato di prodotti di qualità e la presenza locale di Tenova nel paese è stata fondamentale per acquisire tali progetti e comprendere le esigenze dei clienti», si legge nel comunicato diffuso dall'azienda.

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Canada lancia indagine sull'import di tondo da sette paesi tra cui l'Italia

Federacciai: segno "più" per la produzione italiana di acciaio ad agosto

Automotive, UNRAE e Federauto chiedono il prolungamento degli incentivi

Italia, commercio extra UE: a giugno parziale ripresa sia dell'import sia dell'export di acciaio

ArcelorMittal chiede il prolungamento della cassa integrazione con causale Covid-19