Pasini (Feralpi) e Realacci (Symbola): la green economy per affrontare la crisi post-COVID

venerdì, 26 giugno 2020 09:59:17 (GMT+3)   |   Brescia
       

L'Italia può affrontare la crisi dovuta alla pandemia di coronavirus puntando sulla sua forza nella green economy. Questo il succo del talk online "L'Italia che verrà" cui hanno partecipato Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, e Giuseppe Pasini, presidente del Gruppo Feralpi e dell'Associazione Industriale Bresciana. Nonostante i ritardi prodotti dalla burocrazia, l'Italia è una super potenza europea nell'economia circolare con la più alta percentuale di riciclo (79%) sulla totalità dei rifiuti. «Recuperiamo il doppio dei materiali della media europea, molto più della Germania con un risparmio di 21 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio e 58 milioni di tonnellate di CO2 all'anno. Questo è il frutto più che di leggi dei nostri cromosomi produttivi e della nostra creatività» si è affermato nel corso della videoconferenza.

Giuseppe Pasini ha sottolineato che ad esempio, nel mondo della siderurgia da forno elettrico, il recupero continua all'infinito. «In Feralpi il contenuto minimo riciclato è del 93% ma con punte che arrivano anche fino al 97%. Di fronte a queste grandi sfide, con l'aiuto delle nuove tecnologie, si può arrivare alla riduzione del 55% di CO2 per il 2030».

Pasini e Realacci hanno concluso che la green economy «è stata e sarà la migliore risposta alla crisi, una strada che guarda avanti e affronta le sfide del futuro incrociando la natura profonda della nostra economia: la spinta per la qualità e la bellezza, la coesione sociale, naturali alleate dell'uso efficiente di energia e materia, dell'innovazione, dell'high-tech come viene raccontato nei rapporti GreenItaly della Fondazione Symbola».

Stefano Gennari


Articolo precedente

Taiwan, rottame: mercato import sale ancora, la domanda di acciaio si riprende leggermente

06 feb | Rottame e materie prime

Assofermet, rottame: preoccupazioni sul costo dei trasporti

06 feb | Notizie

Europa, export: in aumento il rottame verso la Turchia, dai Paesi baltici a 426 $/t CFR

03 feb | Rottame e materie prime

Turchia: chiuso un accordo di rottame dall’UE a 417 $/t CFR

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia: nuovo aumento dei prezzi import del rottame, il sentiment è ancora forte

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia, i prezzi del rottame deep sea raggiungono 420-422 $/t nei nuovi accordi

31 gen | Rottame e materie prime

Il rottame europeo in Turchia sale a 414 $/t CFR

30 gen | Rottame e materie prime

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime