Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo vicini a una decisione sulla salvaguardia

giovedì, 09 luglio 2020 10:00:21 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nelle prossime settimane le autorità della regione del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) potrebbero presentare suggerimenti o persino una decisione nell'ambito delle indagini di salvaguardia sull'acciaio attualmente in corso. Un produttore locale ha affermato che «ci sono molte discussioni al riguardo tra i membri del GCC e penso che presto terranno un incontro». Alcune fonti prevedono una riunione per la data del 21 luglio.

Le indagini sono state avviate nell'ottobre 2019, con l’obiettivo di proteggere i paesi del Golfo Persico dalle pratiche di importazione sleali nei segmenti dei prodotti lunghi e piani.

Se nel segmento dei lunghi è presente una buona protezione grazie al dazio del 10% e ai recenti aumenti delle tasse in Arabia Saudita, nel segmento dei piani la situazione non è chiara. La produzione di coils laminati a caldo (HRC) nella regione è insufficiente in quanto solo una acciaieria è in grado di produrre gli HRC. Pertanto, vengono importati ingenti volumi di HRC. Se gli HRC fossero soggetti a un'imposta di salvaguardia, incrementerebbero i costi di produzione dei produttori di tubi e dei rilaminatori dei paesi del GCC.


Ultimi articoli collegati

Turchia: export di tondo in lieve crescita nel primo semestre

Turchia: in crescita l'import di coils a freddo nei primi cinque mesi

Turchia: in calo l'import di coils a caldo nei primi cinque mesi

L'Egitto esonera produttori dal dazio del 10%, impatto positivo sul segmento dei piani

Turchia estende dazio provvisorio sulle importazioni di alcuni prodotti in acciaio