OCSE: l'overcapacity torna ad aumentare dopo quattro anni di stabilità

giovedì, 01 ottobre 2020 12:55:12 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il comitato acciaio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OECD o OCSE), durante la sua riunione annuale tenutasi virtualmente il 24-25 e il 28-29 settembre, ha sollevato preoccupazioni in merito al futuro del settore siderurgico, focalizzandosi su argomenti quali la sovraccapacità globale e la crescita delle tensioni commerciali. La commissione ha discusso inoltre le difficoltà che l'industria siderurgica mondiale deve affrontare e le politiche per promuovere condizioni eque nel settore. L'OCSE ha espresso gravi preoccupazioni riguardo al deterioramento delle condizioni del mercato siderurgico a causa della pandemia di coronavirus. Questa ha determinato infatti interruzioni sia nella produzione sia nella domanda influenzando negativamente tutti i settori economici.

Gli ultimi dati disponibili dell'OCSE mostrano che la capacità produttiva globale di acciaio potrebbe aumentare fino a 2,45 miliardi di tonnellate nel 2020. Nell'anno in corso, la sovraccapacità globale potrebbe aumentare di 41,8 milioni di tonnellate, a causa principalmente degli impianti che saranno attivati in Medio Oriente e Asia. Dopo essersi ridotto tra il 2016 e il 2019, il gap tra capacità e produzione dovrebbe raggiungere i 700 milioni di tonnellate.

Per quest'anno, il comitato ha previsto un calo del PIL mondiale del 4,5%, mentre per il 2021 ha stimato un incremento del 5%. A causa della pandemia, le principali economie produttrici di acciaio hanno registrato significative contrazioni della produzione. In controtendenza la Cina, che ha raggiunto volumi record nel primo semestre del 2020. Questi sviluppi rappresentano un rischio di oversupply in Cina, aggravando gli squilibri a livello globale. Il comitato ha dichiarato che l'impatto dell'eccesso della capacità globale, il quale è sostenuto da sussidi governativi e politiche di investimento, è un tema che dovrebbe essere affrontato con urgenza in quanto sta mettendo a rischio la redditività a lungo termine dei produttori siderurgici.


Ultimi articoli collegati

Acciaio, produzione mondiale in calo nei primi nove mesi del 2020

Uğur Dalbeler: Turchia pronta a una seconda ondata del virus, bene export e produzione di acciaio

UE riesamina il dazio antidumping in vigore sulla vergella cinese

Coking coal, importazioni in forte crescita in Turchia ad agosto

Turchia: Icdas alza i prezzi del tondo