NLMK Lipetsk: ricevuto da Tenova il primo lotto per la costruzione della nuova linea di zincatura

venerdì, 30 luglio 2021 15:33:14 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il produttore siderurgico russo NLMK Group ha annunciato che la sua controllata NLMK Lipetsk ha ricevuto le prime apparecchiature di processo fondamentali per la costruzione di una nuova linea di zincatura a caldo in continuo (HDGL-5) della capacità di 450.000 tonnellate di laminati all'anno. 

La linea, il cui lancio è programmato per il 2022, consentirà a NLMK di aumentare la sua produzione di prodotti ad alto valore aggiunto nonché di aumentare il suo vantaggio competitivo nella produzione di laminati con rivestimenti protettivi avanzati.

Il progetto, del valore di oltre 12 miliardi di rubli (164,32 milioni di dollari), permetterà la produzione di acciai sottili ad altoresistenziali dotati di una maggiore resistenza alla corrosione.

L'attrezzatura è stata prodotta da Tenova, con sede in Italia. L'installazione delle apparecchiature di processo sarà completata entro il terzo trimestre di quest'anno.

Attualmente, NLMK Lipetsk ha una capacità produttiva annuale di acciai zincati pari a 1,25 milioni di tonnellate grazie alle sue quattro linee.


Articolo precedente

Coils zincati, in calo i prezzi export dalla Cina

30 set | Piani e bramme

India, export HDG: prezzi stabili in un mercato fermo

30 set | Piani e bramme

Usa: import zincati a caldo in aumento ad agosto

29 set | Notizie

Coils zincati, Cina: prezzi export in calo nonostante l'aumento dei future

23 set | Piani e bramme

India, coils zincati: tentativo degli esportatori di aumentare ulteriormente i prezzi

22 set | Piani e bramme

Laminati a caldo, Romania: prezzi perlopiù stabili

20 set | Piani e bramme

ArcelorMittal riconsidera le offerte di coils in Europa

19 set | Piani e bramme

Salzgitter, prodotto il primo coil presso la nuova linea di zincatura a caldo

16 set | Notizie

India: prezzi export in aumento per gli zincati a caldo

15 set | Piani e bramme

Usa, coils zincati a caldo e Galvalume: stabili i prezzi import

14 set | Piani e bramme