Messico: il progetto d'espansione di ArcelorMittal continua nonostante gli ostacoli locali

martedì, 12 febbraio 2019 13:33:06 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Il progetto per il nuovo impianto di produzione di nastri a caldo di ArcelorMittal in Messico sarà portato a termine, nonostante la decisione del governo di non rinnovare il dazio del 15% sulle importazioni di alcuni prodotti siderurgici. La società ha dichiarato durante una presentazione del quarto trimestre che porterà avanti un investimento triennale da 1 miliardo di dollari.

Il concorrente Altos Hornos de Mexico (AHMSA) ha annunciato che sospenderà l’investimento da 200 milioni di dollari a causa della decisione del governo sul mancato rinnovo dei dazi sull’import di bramme, coils a freddo, coils a caldo, lamiera da treno e vergella dalla Cina e da altri paesi con cui il Messico non ha accordi commerciali.

Nel marzo 2018, ArcelorMittal aveva affermato che il suo investimento da 1 miliardo di dollari non si sarebbe fermato, nemmeno dopo che AHMSA aveva espresso preoccupazione rispetto a fattori esterni quali le tariffe statunitensi della Section 232, che influenzano le importazioni di acciaio messicano.

Il piano d’espansione in Messico di ArcelorMittal consentirà una produzione di 2,5 milioni di tonnellate di prodotti in acciaio, tra cui acciai laminati piani, acciai lunghi e bramme semilavorate. Il progetto, la cui costruzione è stata avviata nel quarto trimestre del 2017, dovrebbe concludersi nel secondo trimestre del 2020.


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia