Lieve diminuzione delle scorte di minerale ferroso nei porti cinesi

venerdì, 11 dicembre 2020 12:40:13 (GMT+3)   |   Shanghai
       

In data 7 dicembre le scorte di minerale di ferro nei 33 principali porti cinesi sono ammontate a 106,87 milioni di tonnellate, facendo registrare un calo dello 0,87% (o di 0,94 milioni di tonnellate) rispetto al 2 dicembre. Lo ha comunicato l'Agenzia Nuova Cina. 

I prezzi del minerale di ferro di importazione sono aumentati significativamente, così come le spedizioni grazie ad un minor numero di interventi di manutenzione relative agli ormeggi in Australia e Brasile. Nonostante ciò si è verificato un calo dei volumi delle forniture in arrivo ai porti. Sia i tassi di utilizzo della capacità degli altiforni sia la produzione siderurgica sono diminuiti rispetto alla scorsa settimana. Tuttavia, i produttori siderurgici restano propensi a mantenere i volumi di produzione su livelli relativamente elevati dal momento che stanno ancora godendo di buoni margini di profitto. Si prevede quindi un incremento della domanda di minerale di ferro. I prezzi del minerale sono stati supportati dalla notizia che il colosso brasiliano Vale ha stimato per il 2020 e il 2021 una produzione inferiore alle aspettative del mercato. Secondo gli operatori di mercato, i prezzi delle materie prime saranno ulteriormente supportati nel 2021 dalla ripresa dell'economia globale. 


Ultimi articoli collegati

Carbone e lignite, crescono le importazioni in Cina nel 2020

Calano le scorte di minerale ferroso nei porti cinesi

Incremento delle scorte di minerale ferroso nei porti cinesi

Acciaio, in Cina la produzione supererà il miliardo di tonnellate quest'anno

Produzione cinese di minerale ferroso in calo a novembre