Liberty Magona, nessuna ripartenza prima di agosto

venerdì, 18 giugno 2021 15:05:48 (GMT+3)   |   Brescia
       

Lo stabilimento di Liberty Magona a Piombino resterà fermo almeno fino ad agosto. Lo ha riferito ieri ai sindacati Renaud Moretti, amministratore delegato di Liberty Downstream Synergies nonché responsabile della gestione degli stabilimenti Liberty a Piombino (Italia), Liegi (Belgio) e Dudelange (Lussemburgo). Come già riportato da SteelOrbis, nell'impianto della Magona è scattata la cassa integrazione per oltre 500 dipendenti per almeno tre settimane e da metà giugno le attività sono state sospese a causa della carenza di materie prime. Secondo quanto riportato da Fim, Fiom e Uilm, «il debito che lo stabilimento di Liegi aveva con ArcelorMittal si è ridotto da 50 milioni a 8 milioni di euro» e dunque nel giro di due/tre settimane dovrebbe essere estinto. A quel punto, «ArcelorMittal dovrebbe tornare a fornire coils alla Magona». Di conseguenza, lo stabilimento dovrebbe restare fermo anche nel mese di luglio, mentre ad agosto e settembre dovrebbe ripartire, si spera, a pieno regime. 
Renaud Moretti ha fatto sapere che il gruppo Liberty sta lavorando per trovare altre soluzioni finanziarie e per ampliare i fornitori. In studio c'è anche l'ipotesi di una sinergia con lo stabilimento Liberty Galati (Romania), che tuttavia richiederebbe tempo per essere messa a punto. Per finire, Moretti ha escluso la possibilità che lo stabilimento piombinese venga ceduto ad altre società, almeno nel breve periodo. 


Ultimi articoli collegati

Aic acquisisce la maggioranza della tedesca Kern Industrie Automation

Management 4 Steel: al via la seconda edizione, ORI Martin tra i partner

Acciai Speciali Terni: ThyssenKrupp annuncia la cessione ad Arvedi

Lombardia: approvate le linee guide per la gestione delle scorie nere da forno elettrico

Acciaierie d'Italia: CIGO rinnovata per tredici settimane dal 27 settembre