Liberty, l'impianto di Ostrava taglia la produzione ma non i dipendenti

giovedì, 18 luglio 2019 09:38:16 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Lo stabilimento ceco di ArcelorMittal Ostrava, entrato a far parte recentemente di Liberty Steel Group, ha comunicato che ridurrà temporaneamente la produzione siderurgica del 20% a causa degli sviluppi di mercato degli ultimi mesi. Tra questi, per esempio, l’aumento dei prezzi legati alle emissioni di CO2, la crescita delle quotazioni delle materie prime e le importazioni sleali di acciaio dai paesi extra-europei.

La società ha dichiarato che l’output sarà ridotto attraverso un rallentamento della linea di produzione. Ciò eviterà la chiusura degli impianti senza avere ripercussioni sui lavoratori che utilizzeranno le ferie a loro disposizione o saranno spostati su altre attività.

«Sfortunatamente – ha commentato il CEO dell’impianto di Ostrava Ashok Patil – siamo costretti a prendere queste misure per rispondere agli sviluppi del mercato europeo degli ultimi mesi, che non sono state particolarmente favorevoli. Le spese sulle emissioni di CO2 sono aumentate del 264% nell’ultimo anno e mezzo, i prezzi del minerale di ferro sono saliti del 65% da inizio anno, l’import di acciaio a basso costo è cresciuto del 13% raggiungendo un quarto del consumo europeo totale. Inoltre, la Commissione europea ha incrementato di un ulteriore 5% le quote relative alle importazioni di acciaio nonostante la complessa situazione del mercato e l’indebolimento delle economie nel continente».


Ultimi articoli collegati

EUROFER: forte peggioramento delle previsioni sul consumo di acciaio

Hayange, tribunale di Strasburgo respinge l'offerta del gruppo cinese Jingye

Salzgitter, perdita ante imposte di 127,8 milioni nel primo semestre

Italia prima destinazione di coils a caldo turchi nei primi cinque mesi

Salzgitter: nessuna fusione o acquisizione in programma