La Russia inizia a spedire l'acciaio sequestrato a Metinvest

martedì, 31 maggio 2022 16:53:45 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Oggi, 31 maggio, la Russia ha iniziato a effettuare spedizioni di prodotti siderurgici ucraini, in particolare HRC, che si trovavano nel porto di Mariupol prima dell'inizio della guerra e che sono di proprietà del gruppo ucraino Metinvest.

«Una nave russa è stata caricata con 2.500 tonnellate di acciai laminati a caldo ed è partita per il porto di Rostov. Inoltre, gli occupanti hanno già annunciato la "nazionalizzazione" o il furto di fatto di 34 navi rimaste nel porto, ed è già iniziato il processo di ridenominazione e cambio delle aste delle bandiere», ha affermato Petro Andryushchenko, consigliere del sindaco della città portuale di Mariupol. I media della cosiddetta DNR (Repubblica dei separatisti filorussi di Donetsk) hanno anche riferito che la nave russa carica di acciaio ucraino ha già lasciato il porto di Mariupol.

«Le azioni illegali per sequestrare e riprendere le operazioni del porto di Mariupol indicano chiaramente che questi prodotti siderurgici possono essere esportati dagli occupanti nei porti di Rostov, Taganrog, Novorossiysk, Tuapse e Sebastopoli, città a sua volta occupata per l'ulteriore vendita illegale dei prodotti rubati ai paesi africani e asiatici che non supportano i regimi sanzionatori che sono stati emanati contro la Federazione Russa come paese aggressore», ha dichiarato Metinvest in un rapporto del 29 maggio.

Il capo del porto di Mariupol, Ihor Barskiy, ha precedentemente comunicato che il 23 febbraio, giorno precedente a quello dell'invasione russa dell'Ucraina, nel porto si trovavano 200.000 tonnellate di ghisa e acciaio, di proprietà principalmente di Metinvest. Inoltre, secondo Metinvest, sulle navi erano già state caricate 28.000 tonnellate di acciaio.

«Secondo il diritto internazionale e ucraino, le azioni dei rappresentanti dell'aggressore, compreso il sequestro armato delle navi mercantili e dei prodotti del Gruppo Metinvest, hanno tutti i segni della pirateria e del saccheggio, che sono violazioni delle leggi e dei costumi di guerra e sono gravi crimini internazionali», ha affermato la holding ucraina, aggiungendo che intraprenderà ogni possibile sforzo per ottenere una rigorosa responsabilità legale.

Il porto di Mariupol è il più grande dell'Ucraina per quanto riguarda le spedizioni di acciaio, con un volume totale che raggiunge i 5 milioni di tonnellate all'anno.


Articolo precedente

Metinvest, torna attivo l’altoforno a Kametstal dopo l'attacco missilistico russo

14 dic | Notizie

Metinvest, tagli alla produzione siderurgica e mineraria

30 giu | Notizie

Ucraina, appello Metinvest: non trattare l'acciaio e le materie prime rubate dalla Russia

23 giu | Notizie

Metinvest: nel primo trimestre calo della produzione di ghisa e acciaio grezzo

16 mag | Notizie

Ucraina: produzione di acciaio e ghisa in calo nel Q1, riprendono alcune operazioni

11 apr | Notizie

Metinvest, risultati di produzione in aumento per la controllata Ilyich SW

13 mag | Notizie

Metinvest, produzione di ghisa in crescita nel primo trimestre 

03 mag | Notizie

Metivest, in crescita la produzione di ghisa nel 2020

01 feb | Notizie

Zaporizhstal: produzione di ghisa in aumento in gennaio-novembre

02 dic | Notizie

Zaporizhstal riprende le operazioni nel suo altoforno n. 5

27 mag | Notizie