La Russia abbassa i dazi sulle esportazioni di ghisa

giovedì, 22 luglio 2021 16:11:42 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il governo russo ha da poco annunciato la sua decisione di abbassare l’aliquota del dazio sulle esportazioni di ghisa da 115 $/t, come precedentemente programmato, a 54 $/t. Il provvedimento, firmato dal primo ministro russo Mikhail Mishustin lo scorso 16 luglio, interesserà le spedizioni di ghisa effettuate dal 1° agosto al 31 dicembre di quest’anno. Il valore percentuale della tassa rimane fermo al 15%. Come riportato da SteelOrbis, in base a un decreto governativo firmato alla fine di giugno, il dazio sarebbe stato del 15% per cento del valore di dogana, ma non inferiore a 115 $/t.

«Lo scopo di un dazio sulle importazioni – ha spiegato il governo russo in una nota – è aumentare le entrate per i budget federali al fine di compensare l’aumento dei costi dei progetti di edilizia statale. Considerato il valore dell’aliquota sulle esportazioni, troppo alto per la ghisa, e il costante andamento al rialzo dei prezzi di questa materia prima sia nel mercato domestico sia in quelli internazionali, è stato proposto di stabilire un’aliquota simile a quella dell’HBI».


Ultimi articoli collegati

Ghisa: fornitori ottimisti nonostante le criticità

Metalloinvest, contratto con Primetals per un impianto HBI da 600 milioni di dollari

Ghisa: fornitori ottimisti, prezzi in salita

Severstal: in gennaio-settembre produzioni in crescita, vendite di semilavorati quadruplicate

Ghisa, i produttori puntano a prezzi più alti