La Cina punta ad eliminare le piccole miniere di carbone nel nord del paese

venerdì, 30 agosto 2019 15:21:05 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Secondo il piano di lavoro redatto dalla Commissione nazionale cinese per lo sviluppo e le riforme (NDRC) assieme a vari ministeri, entro la fine del 2021 il paese intende ridurre a meno di 800 unità il numero di miniere di carbone con una produzione annua inferiore alle 300.000 tonnellate.

In particolare, saranno eliminate le miniere di carbone con una produzione annua inferiore a 300.000 tonnellate nella regione settentrionale e nord-occidentale (ad esclusione dello Xinjiang meridionale), mentre nelle altre regioni il numero di tali miniere sarà dimezzato.

Il piano di lavoro prevede che nessun governo locale sarà autorizzato ad approvare la costruzione di miniere di carbone con una produzione inferiore a 300.000 tonnellate, mentre nello Shanxi, nello Shaanxi, nella Mongolia Interna e nello Ningxia non saranno permessi giacimenti con produzione inferiore a 600.000 tonnellate.

Le miniere che non erano negli elenchi ufficiali a fine 2018 non saranno conservate né ristrutturate. Le eccezioni a questa regola richiederanno approvazioni e certificazioni speciali.


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di ghisa e coking coal – settimana 22

Cina: cresce il consumo di carbone da parte dell'industria siderurgica

Cina: prezzi di ghisa e coking coal – settimana 19

Cina: previsto un calo dei prezzi del minerale nel corso di maggio

Cina: crescono le importazioni di carbone e lignite nei primi quattro mesi