JSW Steel USA denuncia Nucor, US Steel e Cleveland-Cliffs per presunto cartello illegale

mercoledì, 09 giugno 2021 13:39:40 (GMT+3)   |   San Diego
       

JSW Steel (USA) Inc. e JSW USA Steel Ohio, Inc. hanno annunciato l'avvio di un'azione legale presso un tribunale federale nel distretto meridionale del Texas contro tre delle principali società siderurgiche statunitensi: Nucor Corp., United States Steel Corp. e Cleveland-Cliffs, Inc., inclusa l'azienda da essa acquisita recentemente, AK Steel Holding Corp.

JSW Steel sostiene che le società avrebbero «cospirato per boicottare» e si sarebbero rifiutate di fornire alle società querelanti una materia prima di fondamentale importanza (bramme) a partire dal 2018 fino ad oggi. Secondo JSW, gli imputati avrebbero costituito un cartello che è costato alle proprie aziende centinaia di milioni di dollari in profitti persi, ha aumentato le loro spese e causato ulteriori danni. Inoltre, lo stesso cartello avrebbe determinato un innalzamento dei prezzi e danni significativi per gli acquirenti di acciaio statunitensi, nonché una forte riduzione dei posti di lavoro nel settore.

Parth Jindal, membro del consiglio di amministrazione di JSW Steel (USA), ha affermato che gli imputati sono da tempo le società siderurgiche dominanti sul mercato e avrebbero continuato a utilizzare tattiche anticoncorrenziali contro i produttori più piccoli (come JSW) «per avere successo a tutti i costi». Pesanti le accuse di Jindal: «Siamo entrati nel mercato statunitense alcuni anni fa e abbiamo compiuto progressi significativi nel miglioramento delle nostre strutture e delle nostre performance. Nel 2018 abbiamo annunciato la nostra intenzione di effettuare investimenti sostanziali per espandere e aggiornare ulteriormente le nostre strutture. Queste aziende hanno fatto deragliare quei piani, quindi presentiamo questa causa oggi per far valere la nostra posizione. Come sosteniamo, hanno affermato più volte che potevano produrre semilavorati (bramme) in acciaio nelle quantità e nella qualità atte a soddisfare le nostre esigenze e che erano disposti a vendercela, ma quando abbiamo cercato di farli andare avanti, hanno trascinato le cose e inventato scuse. Ora – ha concluso – siamo convinti che fosse tutta una messinscena e che, in realtà, non hanno mai avuto intenzione di realizzare e venderci bramme».

Un altro membro del CdA di JSW Steel, John Hritz, ha aggiunto: «Avremmo avuto un impianto all'avanguardia a Baytown, in Texas, ormai attivo e funzionante che avrebbe letteralmente fissato lo standard per la produzione di acciaio verde in questo paese e nel mondo. Il progetto avrebbe portato a centinaia di posti di lavoro buoni e sicuri per i prossimi decenni. Avrebbe portato miliardi di dollari in benefici economici nel solo stato del Texas. I nostri costi di produzione sarebbero crollati e la nostra produzione sarebbe aumentata drasticamente, pertanto i clienti statunitensi avrebbero avuto prodotti in acciaio più rispettosi dell'ambiente a prezzi molto migliori». Tuttavia, secondo Hritz gli imputati, che rappresentano oltre due terzi di tutta la produzione di acciaio degli Stati Uniti, «avrebbero dovuto affrontare una concorrenza più agguerrita. Questo è ciò di cui avevano paura, a quanto pare, e siamo convinti che sia per questo che hanno preso le misure presunte nella denuncia».

I boicottaggi di gruppo sono illegali, ha spiegato Hritz, perché erodono la concorrenza, aumentano i prezzi al consumo e svantaggiano le aziende rispettose della legge che cercano di competere in condizioni di parità. «JSW, gli acquirenti di acciaio statunitensi e gli operai siderurgici hanno tutti sopportato il peso delle azioni degli imputati», ha continuato Hritz. «Chi ne ha beneficiato? Gli imputati. Hanno ripetutamente annunciato profitti record negli ultimi anni. Non staremo a guardare e non lasceremo che portino avanti la loro condotta».

La denuncia di JSW Steel si basa sulle leggi antitrust sia federali sia dello stato del Texas. La società punta a risarcimenti elevatissimi (che sono automatici ai sensi delle leggi federali antitrust), indennizzi compensativi ed esemplari e il risarcimento delle spese legali. Le due società querelanti sono rappresentate nella causa dallo studio legale Baker Botts LLP.


Ultimi articoli collegati

US Steel: vola l'utile nel secondo trimestre, previsti nuovi record nel terzo

Coils a caldo, crescono le importazioni negli USA

USA: importazioni di bramme in forte crescita a giugno

USA: importazioni di vergella in crescita a maggio

USA: produzione di acciaio grezzo in aumento dello 0,5% nell'ultima settimana