Italia, commercio extra UE: nei primi nove mesi export in calo del 15,7%

mercoledì, 25 novembre 2020 16:50:24 (GMT+3)   |   Brescia
       

Secondo gli ultimi dati diffusi da Federacciai, sia le esportazioni sia le importazioni di acciaio negli scambi tra l'Italia e i paesi extra UE hanno registrato cali percentuali a due cifre nei primi nove mesi del 2020. In gennaio-settembre l'Italia ha importato dai paesi extra UE 6,078 milioni di tonnellate di acciaio, ossia il 32% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Allo stesso tempo, l'export è ammontato a 2,730 tonnellate, facendo registrare una flessione del 15,7% su base annua. In quest'ultimo caso, il calo è stato leggermente inferiore a quello registrato nel periodo gennaio-agosto, segno di un miglioramento della situazione nel nono mese dell'anno.

Sul versante dell'import, i prodotti lunghi nei primi nove mesi del 2020 hanno fatto registrare un calo del 27,9%. In particolare, le importazioni di vergella sono scese del 17,8%, a 139mila tonnellate. Allo stesso tempo l’import di laminati mercantili (barre) è calato del 33,3%, a 106mila tonnellate.
L'import di acciai piani è diminuito del 32,3%. Tra i prodotti più importati, ci sono stati i coils (1.737.000 t, -37,2%), le lamiere a freddo (517mila t, -24,7%), le lamiere zincate a caldo (291mila t, -55,3%), la banda stagnata (211mila t, +34,4%), le lamiere a caldo e i larghi piatti (169mila t, -7,1%), i lamierini magnetici (168mila, -6,7%),

Per quanto riguarda l'export, sono stati registrati un -14,2% per i prodotti lunghi e un -3,7% per i piani. Sono calate sia le esportazioni di tondo per cemento armato (306mila t, -20,9%) sia quelle di vergella (245mila t, -12,8%), mentre sono cresciute quelle di rotaie e armamento (60mila t, +160,9%). In flessione le esportazioni di laminati mercantili: barre a -12,2% (per un totale di 72mila tonnellate); profilati a -27,8% (26mila tonnellate in totale); stabili i piatti a con 23mila t.
Passando ai piani, sono calate le esportazioni di coils (224mila t, -20,3%), di lamiere a freddo (101mila t, -29,4%), di lamierini magnetici (9mila t, -25%), di lamiere elettrozincate (12mila t, -40%), di lamiere con altri rivestimenti metallici (5mila t, -37,5%). È invece cresciuto l’export di lamiere a caldo e larghi piatti (217mila t, +33,1%), di banda stagnata (34mila t, +41,7%) e di lamiere zincate a caldo (202mila t, +5,8%).

Venendo infine ai prodotti di 1ª trasformazione, in gennaio-settembre le esportazioni di tubi senza saldatura sono ammontate a 232mila t, quelle di tubi saldati a 253mila t, facendo segnare rispettivamente diminuzioni del 24,2% e del 24,9%. L'export di filo trafilato si è attestato a 208mila tonnellate (+9,5%), mentre quello di nastri a freddo è ammontato a 45mila tonnellate (-6,3%). Barre e trafilati a freddo infine hanno fatto segnare una flessione del 23% con 94mila tonnellate esportate.

Si riportano di seguito le variazioni in relazione ai volumi delle varie categorie di prodotti importate ed esportate (dati espressi in migliaia di tonnellate).

Prodotto

Import

Export

Saldo

Gen-set 2019

Gen-set 2020

Variaz.
annua (%)

Gen-set 2019

Gen-set 2020

Variaz.
annua (%)

Gen-set 2019

Gen-set 2020

Lingotti e semilavorati

3.417

2.294

-32,9

282

129

-54,3

-3.135

-2.165

Prodotti lunghi

366

264

-27,9

890

764

-14,2

524

500

Prodotti piani

4.796

3.245

-32,3

917

883

-3,7

-3.879

-2.362

Prodotti 1ª trasformazione (*)

294

221

-24,8

1.020

845

-17,2

726

624

Prodotti 2ª trasformazione (**)

62

54

-12,9

130

109

-16,2

68

55

TOTALE

8.935

6.078

-32,0

3.239

2.730

-15,7

-5.696

-3.348

(*) Tubi senza saldatura e saldati, semilavorati fucinati e fucinati in barre, barre e profilati a freddo, filo trafilato, nastro a freddo.
(**) Profilati per miniere e saldati, materiale per impalcature, accessori per tubi, flange, lamiere striate, graniglie e polveri di ghisa.

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Acciaierie Venete ordina a Primetals l'aggiornamento del laminatoio di Mura

Italia: si interrompe la galoppata dei prezzi del tondo

Coils a caldo, prezzi ancora in rialzo nel mercato UE

Eusider Group acquisisce Bidue e punta su verticalizzazione e internazionalizzazione

Duferco Travi e Profilati, dopo il rebranding obiettivo leadership in Europa