Italia: accordo CEIP-DRI d’Italia (Invitalia) per sostenere la decarbonizzazione

venerdì, 20 gennaio 2023 16:07:06 (GMT+3)   |   Brescia
       

Firmato un memorandum d’intesa dal presidente di CEIP Scarl (Consorzio Elettrosiderurgici Italiani per il Preridotto), Giancarlo Quaranta, e l’amministratore delegato di DRI d’Italia (Invitalia), Stefano Cao. Lo scopo è quello di cooperare alla realizzazione di impianti di produzione, commercializzazione e vendita di direct reduced iron (preridotto), finalizzati alla transizione verde del settore dell’acciaio italiano e al raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni climalteranti. L’accordo prevede che DRI d’Italia possa mettere a disposizione dei membri di CEIP due milioni di tonnellate di preridotto, così che si possano sostituire, almeno parzialmente, le importazioni di questo e del rottame. La cooperazione vedrà anche la ricerca di soluzioni tecnologiche innovative per la produzione e trasformazione di materiale ferroso da destinare all’industria siderurgica.


Articolo precedente

Prodotti lunghi nell’Europa meridionale: manca la domanda, il tondo cala ancora

27 gen | Lunghi e billette

Coils laminati a caldo: in aumento i prezzi nell’Europa meridionale

27 gen | Piani e bramme

Stabile il mercato locale del rottame in Italia

26 gen | Rottame e materie prime

Acciaierie d’Italia: gli obiettivi di produzione per il 2023 e il 2024

25 gen | Notizie

Veicoli commerciali, immatricolazioni in calo nell’UE nel 2022

25 gen | Notizie

Mercato dei lunghi nell’Europa meridionale: poca domanda e prezzi fragili

20 gen | Lunghi e billette

UE, coils a caldo: prezzi in aumento, prospettive ancora positive

20 gen | Piani e bramme

Immatricolazioni di auto in calo nell’UE nel 2022

18 gen | Notizie

Italia: in calo la produzione di acciaio grezzo nel 2022

18 gen | Notizie

Italia, in aumento il rottame locale

17 gen | Rottame e materie prime