IREPAS: secondo CELSA sono improbabili ulteriori diminuzioni dei prezzi del tondo

lunedì, 08 aprile 2019 16:50:57 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Durante lo SteelOrbis 2019 Spring Conference & 80th IREPAS Meeting in corso a Barcellona è intervenuto Daniel Gonzalez, responsabile commerciale internazionale del produttore siderurgico spagnolo CELSA Group, il quale ha confrontato le proiezioni di crescita economica del FMI realizzate a luglio 2018 e relative al 2019 con le stesse proiezioni effettuate a gennaio 2019. Secondo le previsioni di luglio 2018, le prospettive di crescita si attestavano al 3,9%, al 2,2% e al 5,1%, rispettivamente per economia globale, economie avanzate ed economie emergenti; a gennaio di quest’anno, le stesse stime sono state abbassate al 3,5% al 2% e al 4,9%.

Secondo il dirigente di CELSA, si stima che la domanda siderurgica mondiale nel 2018 sia aumentata del 4,3% raggiungendo gli 1,66 miliardi di tonnellate, con la Cina a guidare la crescita. La produzione mondiale di acciaio grezzo si è attestata a 1,80 miliardi di tonnellate lo scorso anno, crescendo del 4,6% rispetto al 2017, grazie principalmente alla regione asiatica, Cina e India in primis. Gonzalez ha dichiarato che nel 2019 gli investimenti in Cina dovrebbero aumentare del 10% e che, grazie alla riduzione dell’aliquota IVA dal 16% al 13%, la domanda in Cina è prevista in crescita tra l’1% e il 2%. Il consumo globale di prodotti lunghi è incrementato nel 2018, fatta eccezione per i profilati, mentre tutte le regioni, eccetto i paesi dell’area CIS e la Turchia, hanno registrato una crescita del consumo di acciai lunghi, raggiungendo gli 831 milioni di tonnellate, il secondo maggior risultato degli ultimi 10 anni.

Gonzalez ha riferito ai partecipanti alla conferenza che il consumo di tondo nel 2018 si è attestato a 383 milioni di tonnellate, il dato più alto degli ultimi 10 anni, con l’Asia come principale regione consumatrice. Inoltre, pare che produzione e consumo siano equilibrati; il maggior divario si registra nell’area CIS e in Turchia. Il dirigente di CELSA ha osservato che negli ultimi 26 anni il consumo globale di tondo è calato solamente nel 2008 e nel 2015-2016. Riguardo all’attuale differenza di prezzo di 160 $/t tra tondo e rottame, Gonzalez ha sottolineato che si tratta di uno dei dati più bassi degli ultimi 10 anni, avvertendo che non c’è più margine per un'ulteriore diminuzione dei prezzi del tondo.

Le previsioni per il 2020 riguardanti gli elettrodi di grafite in Cina, secondo Gonzalez, si attestano a 640.000 tonnellate per il consumo domestico, a 720.000 tonnellate di produzione e a 80.000 tonnellate per le esportazioni.


Tags:
Turchia , Medio Oriente , opinioni | articoli simili »