IREPAS: prezzi degli acciai lunghi in crescita nonostante i numerosi fattori di incertezza

lunedì, 11 febbraio 2019 12:22:12 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo il rapporto sulle prospettive a breve termine pubblicato da IREPAS, associazione globale dei produttori ed esportatori di prodotti siderurgici lunghi, i prezzi dei prodotti nel mercato globale degli acciai lunghi sono migliori rispetto a quanto previsto nel precedente rapporto; tuttavia, persiste un certo grado di incertezza riguardo alla sostenibilità degli attuali livelli di prezzo. La situazione è generalmente peggiorata in termini di domanda e offerta, come pare ci sia un peggioramento delle aspettative e i dati che si registrano non lasciano presagire sviluppi positivi.

Le acciaierie turche mantengono bassa la produzione di tondo

Le acciaierie turche hanno ridotto considerevolmente la loro produzione e, allo stesso tempo, l’improvviso aumento dei prezzi del rottame ha fatto crescere i loro prezzi del tondo. Secondo il rapporto IREPAS, se la produzione di tondo turco continua ad attestarsi su bassi volumi, sarà difficile che le quotazioni del rottame si mantengano sugli attuali livelli di prezzo. Se la produzione aumenterà, i prezzi del tondo potrebbero tornare a diminuire.

Concorrenza ad alti livelli e in ulteriore intensificazione

Gli elevati e non competitivi prezzi dell’acciaio cinese hanno indotto i fornitori di acciaio di altri paesi a colmare il divario. IREPAS ha osservato che i fornitori ucraini hanno esportato tondo verso i mercati dell’Estremo Oriente per la prima volta dopo un lungo periodo, ponendosi in competizione con gli esportatori di Turchia e Qatar. La concorrenza si sta invece riducendo nel mercato UE si sta riducendo.

L’attuale mercato è caratterizzato da instabilità e incertezza

L’attuale condizione del mercato può essere descritta come instabile a causa dell’incertezza dovuta alla Brexit, alla recente introduzione delle misure di salvaguardia UE, allo shutdown del governo USA, alla delicata situazione in Venezuela, alle festività del capodanno cinese e alle difficili condizioni invernali in Nord America e in Nord Europa. La previsione per il mercato del rottame e del minerale di ferro proveniente dal Brasile, turbato da diverse dichiarazioni di forza maggiore in seguito al crollo della diga di Vale, non fa altro che alimentare tale incertezza. Per quanto riguarda gli attriti commerciali tra Cina e Stati Uniti, secondo IREPAS potrebbe esistere la possibilità di un accordo tra i due paesi entro il 1° marzo.

Margini statunitensi ancora sopra la media, poco spazio per le importazioni

I margini di profitto negli Stati Uniti si sono ridotti, ma rimangono sopra la media. Tenuto conto del calo dei prezzi interni e del dazio del 25% in vigore sulle importazioni di acciaio dalla maggior parte del mondo, non vi è molta convenienza a ricorrere all'import.

Il mercato dell’UE affronta molte incertezze

Molti nell’Unione Europea sono preoccupati dalla Brexit, dalle guerre commerciali in atto, dal potenziale impatto delle misure di salvaguardia recentemente introdotte, dalla situazione del mercato USA, dalle esportazioni dalla Turchia, dalle previsioni del PIL in Germania e dalla manovra finanziaria del nuovo governo in Italia. Se la Germania dovesse correggere la sua previsione di crescita del PIL dall'1,8% all'1,0%, allora altri mercati dell'UE potrebbero comportarsi analogamente. Anche le azioni tedesche sono sotto pressione, dunque le prospettive non sono incoraggianti per l'UE in generale.

Difficile fare previsioni: attesa per gli effetti delle misure UE e la fine delle vacanze in Cina

Date le circostanze, IREPAS trova difficile formulare previsioni per il mercato. Il quadro diventerà un po' più chiaro con la piena applicazione delle misure definitive di salvaguardia dell'UE e con la fine delle vacanze di capodanno in Cina.


Ultimi articoli collegati

Bulgaria: prezzi dei prodotti lunghi in forte calo

Tondo e vergella, alcuni esportatori turchi alzano i prezzi

Tondo, i produttori portoghesi riducono i prezzi

Bulgaria: prezzi dei lunghi sotto pressione

IREPAS: prospettive instabili, la produzione potrebbe riprendersi più rapidamente dei consumi