IREPAS: l'attuale protezionismo è ingiustificato e contro le regole del WTO

lunedì, 08 aprile 2019 12:10:51 (GMT+3)   |   Istanbul
       

L'evento intitolato SteelOrbis 2019 Spring Conference & 80th IREPAS Meeting, attualmente in corso a Barcellona, si è aperto con il discorso di benvenuto di Murat Cebecioğlu, export manager del produttore turco Icdas, nonché presidente dell'associazione dei produttori ed esportatori internazionali di acciai lunghi IREPAS. All'evento stanno partecipando quasi 450 persone, di cui 130 rappresentanti di 48 produttori siderurgici da 22 paesi e 70 rappresentanti di 40 fornitori di materie prime. 

Murat Cebecioğlu ha dichiarato che IREPAS come associazione ha sempre sostenuto il commercio libero ed equo dell'acciaio, pertanto è molto preoccupata dalle notizie riguardanti l'imposizione di dazi e altre misure commerciali, che essa giudica ingiustificate e contro le regole e i principi dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO). Tali misure protezionistiche hanno peraltro innescato contromisure da parte di altri paesi.

Cebecioğlu ha affermato che, nonostante le spinte protezionistiche, il sentiment è positivo all'interno dell'industria grazie a una buona domanda. Il presidente di IREPAS ha dichiarato che, se non fosse per queste misure, le condizioni del mercato sarebbero molto migliori; ha poi sottolineato come i paesi che hanno imposto misure protezionistiche godano di margini che non sono mai stati migliori, mentre gli esportatori continuano a soffrire a causa del protezionismo e dell'attuale clima politico.

Il presidente di ICDAS ha concluso il suo discorso dichiarando che, sebbene il periodo attuale non sia dei più facili, l'industria siderurgica è sempre riuscita ad affrontare tempi difficili e "IREPAS sarà sempre pronta a sostenerla". 


Ultimi articoli collegati

Tondo, i produttori portoghesi riducono i prezzi

Bulgaria: prezzi dei lunghi sotto pressione

Coils a caldo, EUROFER chiede un'indagine antidumping contro la Turchia

IREPAS: prospettive instabili, la produzione potrebbe riprendersi più rapidamente dei consumi

Roland Berger: la siderurgia europea deve investire 100 miliardi per essere carbon neutral entro il 2050