India: produttori di ferroleghe chiedono la rimozione dei dazi sulle importazioni di alcune materie prime

giovedì, 27 settembre 2018 12:34:46 (GMT+3)   |   Calcutta
       

I produttori indiani di ferroleghe hanno richiesto al Ministero dell’acciaio una riduzione dei dazi sulle importazioni di input fondamentali, sottolineando che il paese ne è fortemente dipendente. Lo ha riferito un funzionario dell’Associazione dei produttori di ferroleghe indiani (LFAPA).

Il funzionario ha dichiarato che i produttori hanno chiesto l'intervento del Ministero dell’acciaio per rimuovere i dazi d'importazione del 2,5% applicabili al minerale di manganese e al minerale di cromo e per eliminare il dazio antidumping di 25 $/t sulle importazioni di coke.

Secondo il funzionario, le acciaierie domestiche sono altamente dipendenti dalle ferroleghe importate dal Sudafrica e dall’Australia a prezzi molto più elevati, mentre i produttori nazionali di ferroleghe non sono in grado né di incrementare la produzione nazionale né di essere competitivi rispetto alle importazioni, dato il costo elevato degli input importati.

La capacità di produzione indiana di ferroleghe è stimata in circa 5 milioni di tonnellate annue.


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, gli esportatori indiani fermano le vendite in Asia

India diventa esportatrice netta di acciaio verso la Cina nel periodo aprile-agosto

India: il governo vuole che la joint venture RINL-POSCO punti sugli acciai speciali

India: importazioni di coking coal in calo nel periodo aprile-agosto

India: inutilizzati volumi di minerale di bassa qualità pari a 162 milioni di tonnellate