India: inutilizzati volumi di minerale di bassa qualità pari a 162 milioni di tonnellate

venerdì, 04 settembre 2020 17:18:44 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Secondo quanto dichiarato dalla Federation of Indian Mineral Industries (FIMI), circa 162 milioni di tonnellate di minerale di ferro di bassa qualità (sia lump sia fini) giacciono inutilizzati nelle miniere di tutto il paese a causa dell'assenza di acquirenti tra acciaierie e produttori di pellet. 

Secondo l'ente, che rappresenta i gruppi minerari del paese, di questi 162 milioni di tonnellate di materia prima 137 milioni si trovano nei principali stati produttori, ovvero nell'Orissa e in Jharkhand. 

La FIMI ha affermato che le acciaierie integrate, gli impianti di riduzione diretta (DRI) e i produttori di pellet non stanno acquistando queste scorte di minerale né hanno il permesso di esportarle. «I produttori siderurgici del paese stanno creando un ingiustificato timore di carenza di materia prima – ha continuato la federazione – sebbene si stiano procurando solamente materie prime di qualità superiore».


Ultimi articoli collegati

India: Maithan Steel verso il raddoppio della capacità produttiva di billette tondo

Minerale di ferro, prevista una carenza d'offerta nel mercato indiano

Cala l'import di coking coal in India mentre cresce l'export di minerale

India: NMDC riduce la produzione di minerale in aprile-settembre

Coking coal, SAIL esamina fonti alternative all'Australia