India: il ministero dell'acciaio valuta una possibile fusione tra NINL e RINL

martedì, 11 dicembre 2018 15:38:02 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Secondo quanto riportato da un funzionario ministeriale, il ministero dell’acciaio indiano sta preparando un documento di lavoro che esamina i dettagli di una possibile fusione tra i due produttori siderurgici statali Neelachal Ispat Nigam Limited (NINL) e Rashtriya Ispat Nigam Limited (RINL).

Il funzionario ha dichiarato che il documento è coerente con l’obiettivo generale del governo indiano di creare un colosso domestico dell'acciaio, accorpando tutte le società siderurgiche gestite e possedute dal governo.

Il documento di lavoro sulla fusione tra NINL e RINL stabilirà le modalità del processo, ma la decisione finale sarà del gabinetto ministeriale.

Il governo indiano attualmente possiede il 100% del pacchetto azionario di RINL, che produce 6,3 milioni di tonnellate annue di acciaio nell’India meridionale, presso la città di Vishakhapatnam. NINL è attiva nello stato orientale dell’Orissa ed è controllata dalla società statale MMTC Limited, che ne possiede il 49,78% delle azioni e da Industrial Promotion of Odisha Limited (IPICOL) che possiede il 15,29% delle azioni, mentre la quota restante del pacchetto azionario è di proprietà di varie società statali.


Ultimi articoli collegati

Coils zincati a caldo: segnali di maggiore interesse nell'UE, esportatori indiani alzano i prezzi

India: incremento di vendite per SAIL grazie a esportazioni record

Prezzi della vergella in lieve calo in India

Coils a caldo, esportatori indiani preoccupati dalle tensioni con la Cina

ArcelorMittal Nippon Steel India investe in progetti siderurgici nell'Orissa