India: dirigenti di RINL rischiano azioni disciplinari per espansione non autorizzata

giovedì, 31 maggio 2018 10:37:56 (GMT+3)   |   San Diego
       

A diversi dirigenti di Rashtriya Ispat Nigam Ltd (RINL) è stato chiesto di comparire davanti ad una giuria del Ministero dell'ambiente per far luce su un'espansione delle acciaierie avvenuta senza le adeguate approvazioni.

RINL è un’entità statale controllata dal Ministero dell’acciaio; è stata avviata nel 1992 con una capacità di 3 milioni di tonnellate annue nello stato sud-orientale dell’Andhra Pradesh. Attualmente ha una capacità di 4 milioni di tonnellate e ha richiesto il permesso al ministero per portare la capacità a 6,3 milioni di tonnellate nel 2018. L’obiettivo finale sarebbe quello di raggiungere una capacità di 7,3 milioni di tonnellate.

Secondo il Ministero dell’ambiente, RINL avrebbe effettuato il 90% della propria espansione illegalmente, senza le apposite autorizzazioni ambientali. Arun Kumar Mehta, un funzionario del ministero, ha dichiarato che RINL dovrebbe "avviare un'esemplare azione disciplinare nei confronti dei funzionari responsabili delle violazioni".


Ultimi articoli collegati

Italia, commercio extra UE: esportazioni a +5,2% in gennaio-novembre

Import statunitense di acciaio in calo del 17,3% nel 2019

USA: mercato degli OCTG in lieve ribasso, negative le previsioni sul prezzo del petrolio

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana