India: con la sospensione della miniera di NMDC i prezzi del minerale potrebbero aumentare del 10%-15%

venerdì, 23 novembre 2018 11:22:47 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Secondo quanto riferito da un rappresentante della Federazione delle industrie minerarie indiane (FIMI), la sospensione della miniera di Donimalai, di proprietà della società statale NMDC Limited, potrebbe causare una crescita dei prezzi del minerale ferroso compresa tra il 10% e il 15%.

L'interruzione delle forniture, che durerà fino alla risoluzione della disputa tra NMDC e il governo del Karnataka, porterà ad una carenza della materia prima per le acciaierie situate nell'India meridionale, ha affermato il funzionario.

Attualmente, il prezzo del minerale di ferro si aggira tra 1.500 INR/t (21 $/t) e 2.500 INR/t (39 $/t), tasse e imposte escluse.

Vale la pena di ricordare che il governo del Karnataka all'inizio di questo mese aveva rinnovato il contratto di affitto per Donimalai a favore di NMDC Limited fino a novembre 2038, aggiungendo però una clausola che costringe la società al pagamento dell'80% del valore medio delle vendite come affitto.

NMDC produce circa 6 milioni di tonnellate annue di minerale presso le miniere di Donimalai.


Ultimi articoli collegati

Ministro Gualtieri: «Ilva resti con un azionista di maggioranza privato»

Produzione argentina di acciaio grezzo in calo a dicembre e nel 2019

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia