In calo le importazioni turche di HRC nei primi sette mesi dell’anno

giovedì, 26 settembre 2019 12:09:07 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati riportati dall’istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di luglio di quest’anno le importazioni di coils laminati a caldo (HRC) in Turchia sono aumentate del 44,6% su base annua e del 14,9% rispetto a giugno, attestandosi a 347.740 tonnellate.

Nei primi sette mesi dell’anno le importazioni in Turchia di HRC si sono attestate a 2,18 milioni di tonnellate, in calo del 6,6% annuo. Nello stesso periodo le principali fonti di HRC della Turchia sono state la Russia con 903.171 tonnellate (-15,09% annuo) e l’Ucraina con 273.105 tonnellate (-16,20% annuo).

I principali fornitori di HRC della Turchia nei primi sette mesi dell’anno sono stati:

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-Luglio 2019

Gennaio-Luglio 2018

Variazione (%)

Luglio 2019

Luglio 2018

variazione (%)

Russia

903.171

1.063.739

-15,09

152.940

99.739

53,34

Ucraina

273.105

325.882

-16,20

47.536

47.066

1

Francia

182.179

202.677

-10,11

38.850

27.881

39,34

Olanda

153.761

103.477

48,59

2.509

1.866

34,46

Germania

143.359

96.282

48,89

41.242

4.304

858,22

Brasile

103.229

116.462

-11,36

-

32.029

-

Romania

101.742

34.713

193,09

12.819

4.890

162,15

Italia

84.428

11.041

664,68

12.793

783

-

Regno Unito

63.573

5.018

-

12.470

-

-

Spagna

54.166

69.440

-22

3.951

3.610

9,45

 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, i produttori dell'area CIS aumentano i prezzi

EUROFER chiede alla Commissione europea un'indagine anti-sussidi sui coils a caldo turchi

Coils a caldo, produttori CIS iniziano a vendere la produzione di luglio

Coils a caldo, i produttori turchi alzano i prezzi

Italia prima destinazione delle esportazioni turche di coils a caldo