In calo la competitività dell’industria siderurgica turca

venerdì, 16 dicembre 2022 16:17:00 (GMT+3)   |   Istanbul
       

L’industria siderurgica turca continua a lottare per mantenere la propria competitività sui mercati globali, poiché l’efficienza del modello produttivo del paese rimane sotto pressione a causa dell’aumento dei costi. Molti altri fornitori di acciaio a livello globale non hanno dovuto far fronte a all’impennata dei prezzi energetici o l’effetto sulle loro attività commerciali è stato relativamente più contenuto e possibile da bilanciare. Oltre agli alti costi di produzione, i produttori di acciaio turchi hanno avuto difficoltà a sostenere le esportazioni attive, il che, unito alla limitata attività commerciale locale e ai costi elevati, li ha costretti a ridurre i tassi di utilizzo della capacità produttiva.

Secondo una discussione tenutasi durante un panel alla Middle East Iron and Steel Conference di Dubai questa settimana, l’aumento delle tariffe elettriche in Turchia ha fatto salire la quota dell’elettricità nella struttura dei costi dal 7% all’attuale 25-27%. Le fonti presenti alla conferenza hanno sottolineato che la situazione non è legata tanto agli effetti della guerra in Ucraina sul mercato globale dell’energia, ma soprattutto alla scelta politica del governo turco di «non sovvenzionare le industrie pesanti».

Oltre alla flessibilità molto più bassa delle acciaierie turche, i loro costi sono ora superiori a quelli dei loro competitor. In particolare, in Turchia il prezzo dell’elettricità per le industrie è passato da 0,4-0,5 a 0,20-0,22 €/KWT. Inoltre, le tariffe in Estremo Oriente sono più o meno a €0,10 e nell’Ue si aggirano intorno agli €0,16-0,30, secondo le valutazioni della turca Colakoglu Metalurji. «L’aumento dei costi non è facile da compensare con l’aumento dei prezzi a causa della maggiore concorrenza, dell’eccesso di capacità nel mercato globale e della minore domanda» ha commentato un rappresentante del produttore turco Bastug Metalurji.

Oltre ai prezzi elevati dell’elettricità, che hanno fatto lievitare i relativi input fino a 55-60 $/t, anche il problema del gas naturale è significativo. «Oggi non conosciamo i prezzi per il prossimo mese, quindi non siamo in grado di calcolare il costo e di fare un’offerta all’acquirente che sia equa per entrambe le parti» ha detto il rappresentante di Colakoglu Metalurji.

La Turchia lotta per mantenere la sua presenza nelle esportazioni, affrontando numerosi problemi come il protezionismo globale, le esportazioni competitive da parte di altri Paesi e l’aumento della presenza all’estero di paesi che prima non si vedevano e che ora sono costretti a esportare perché i mercati locali sono in condizioni peggiori. Alcuni di loro, come l’Egitto, hanno dovuto aumentare le esportazioni per generare valuta estera per le materie prime. Di conseguenza, la concorrenza sul mercato è aumentata notevolmente, mentre la domanda si è indebolita.

I rappresentanti dell’industria siderurgica turca hanno dichiarato che le esportazioni di prodotti lunghi sono calate del 16% nei primi 10 mesi di quest’anno, mentre le sole vendite di tondo hanno registrato un forte calo del 20%. Nello stesso periodo, l’utilizzo della capacità produttiva turca per il tondo è diminuito del 10%. «Il Consiglio di cooperazione del Golfo e l’Estremo Oriente non sono colpiti dalla crisi energetica, ma solo la Turchia e l’Ue, e questo continuerà fino alla fine della guerra» ha dichiarato un rappresentante di M Steel durante l’incontro. Una riduzione della produzione è la reazione attesa dalle acciaierie in una situazione del genere e si sentiranno altre riduzioni nel prossimo periodo, tenendo conto che la capacità in Turchia è piuttosto grande per le sole vendite locali e una buona parte di essa deve essere esportata. Tuttavia, ridurre la produzione non è una cosa facile da fare. «Se non c’è mercato, bisogna diminuire la produzione per evitare perdite maggiori» ha affermato il rappresentante di Bastug Metalurji. «Stiamo cercando di sopravvivere con una perdita minima, ma abbiamo responsabilità lavorative, quindi queste decisioni non sono facili».

Nel complesso, i relatori hanno concordato sul fatto che la prima metà del 2023 sarà impegnativa, mentre alcuni miglioramenti inizieranno a vedersi nella seconda metà e continueranno a rafforzarsi nel 2024. Per quanto riguarda la domanda, si pensa che il governo turco punterà a rilanciare l’edilizia in vista delle elezioni, anche se i finanziamenti resteranno un ostacolo. Per quanto riguarda i laminati, i problemi a medio termine potrebbero essere più gravi rispetto a quelli a lungo termine, tenendo conto delle nuove capacità in arrivo, soprattutto per l’HRC, ma anche per il CRC e i prodotti rivestiti. «Il governo deve stimolare il consumo e la produzione di elettrodomestici e prodotti automobilistici, il che aumenterà la domanda di laminati e c’è un potenziale in tal senso» ha affermato il funzionario di M Steel durante l’incontro.


Articolo precedente

Veysel Yayan, Turchia: necessarie indagini antidumping

12 dic | Notizie

IREPAS: la domanda di tondo estero è destinata a ridursi nei paesi MENA

03 apr | Notizie

Borusan Mannesmann: a maggio il via alla produzione di OCTG negli Stati Uniti

11 mar | Notizie

Turchia: l'associazione degli esportatori considera vitale lo shale gas

09 gen | Notizie

Turchia: l'output di acciaio supererà i 36 milioni di tonnellate nel 2014

02 dic | Notizie

Assofermet/SteelOrbis: gli acciai piani turchi sono destinati a crescere sull'export

27 nov | Notizie

Assofermet/SteelOrbis: Burçak Odabaşı sulla siderurgia turca e il commercio con l'UE

19 nov | Notizie

Veysel Yayan: "La crescita dell'output turco di acciaio farà aumentare il consumo domestico"

02 mag | Notizie

Turchia: pareggio tra domanda e offerta di acciai piani entro il 2017

28 feb | Notizie

La Turchia rilancia: output di acciaio a +10% nel 2012

23 gen | Notizie