Immatricolazioni Italia: gli incentivi frenano il calo ad agosto

mercoledì, 02 settembre 2020 15:32:11 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il Ministero dei Trasporti ha comunicato che in Italia nel mese di agosto il numero di immatricolazioni è rimasto pressoché stabile rispetto allo stesso periodo del 2019. Nel mese in oggetto sono state immatricolate 88.801 autovetture (-0,43% su base annua).

I primi otto mesi del 2020 si chiudono con 809.655 autovetture immatricolate, il 38,9% in meno rispetto al dato dello stesso periodo del 2019 (1.331.674 unità).

Il gruppo FCA ha venduto 20.286 auto (-2,65%) con una quota di mercato pari al 22,84% (-0,52%). Negli otto mesi il gruppo ha immatricolato 190.075 vetture (-40,9%) con una quota pari al 23,48% (-0,80%). Anche ad agosto Fiat Panda è rimasta in testa alle vendite (5.341 unità). Nella top 10 si sono classificate anche al secondo posto Fiat 500X (2.445 unità), al terzo posto Lancia Ypsilon (2.261 unità), al quinto posto Jeep Renegade (2.135 unità) e al sesto posto Jeep Compass (2.021 unità).

Michele Crisci, presidente UNRAE, associazione che rappresenta le case automobilistiche estere, ha commentato così i risultati del mercato di agosto: «Nel mese di agosto si riscontrano i primi segni di arresto dell'emorragia dopo mesi di recessione. I ritmi del rinnovo del parco circolante restano, però, ancora bassissimi, e per raggiungere un livello di mercato normale sarà più che mai necessario proseguire nel solco tracciato nelle ultime settimane con l'erogazione degli incentivi per l'acquisto di veicoli a basse emissioni». Il mercato secondo Crisci ha reagito positivamente ai recenti innesti normativi che hanno accompagnato molti consumatori alla sostituzione della propria vettura, tuttavia «gli operatori del settore sono stati costretti a lavorare nell'incertezza più totale rispetto alla capienza e al residuo dei fondi e, quindi, a post-processare tutta la produzione della seconda metà di agosto». L'UNRAE ha manifestato da subito «favore verso il sostanzioso rifinanziamento del fondo ecobonus, ma forte perplessità in merito alla sua suddivisione dei finanziamenti in 3 plafond, che sono disconnessi dalle reali segmentazioni di mercato e rischiano quindi di frenare le libere scelte dei consumatori». L'associazione ritiene pertanto «fondamentale che le istituzioni competenti rivedano le disposizioni suddette prevedendo la possibilità di riallocare le risorse in eventuale esubero, verso i fondi prematuramente esauriti».

Daniel Bettelli


Ultimi articoli collegati

Veicoli commerciali UE, Italia unico mercato principale in ripresa sia a luglio che ad agosto

Automotive, UNRAE e Federauto chiedono il prolungamento degli incentivi

UE: immatricolazioni auto in diminuzione nei primi otto mesi dell’anno

Italia: immatricolazioni veicoli commerciali in positivo a luglio e agosto

ArcelorMittal chiede il prolungamento della cassa integrazione con causale Covid-19