Il settore siderurgico brasiliano chiede aiuto al governo sulla Sezione 232

mercoledì, 03 giugno 2020 17:27:27 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Questa settimana i rappresentanti delle associazioni siderurgiche brasiliane (lABr) hanno incontrato il presidente Jair Bolsonaro per discutere le restrizioni della Sezione 232 degli Stati Uniti e le misure commerciali che il Brasile può adottare per proteggere il proprio settore dalle importazioni di acciaio dalla Corea del Sud e dalla Cina.

Il settore siderurgico brasiliano ha chiesto al presidente Bolsonaro di premere affinché il presidente americano Donald Trump riveda la quota imposta sull'export brasiliano di acciaio verso gli Stati Uniti.

Altri ministri brasiliani, tra cui il ministro dell'economia Paulo Guedes e il ministro degli esteri Ernesto Araujo, hanno partecipato all'incontro con Marco Polo, presidente lABr e altri dirigenti.
Fonti hanno riferito che Bolsonaro ha chiamato Trump alle 16:50 brasiliane del 2 giugno e che la telefonata è durata circa trenta minuti.

Marco Polo ha affermato che l'industria siderurgica brasiliana soffre di una debole domanda interna e che le esportazioni sono diminuite a causa della pandemia di coronavirus. Ha aggiunto che l'industria siderurgica locale sta operando al 40% della sua capacità.

Il presidente lABr ha affermato che il Brasile non può «diventare preda» della Cina o della Corea del Sud, poiché entrambe rappresentano 210 milioni di tonnellate su un eccesso globale di acciaio di 395 milioni di tonnellate. «È necessario un meccanismo di emergenza come l'introduzione di una quota (per questi due paesi)» ha concluso.


Ultimi articoli collegati

Crescono le esportazioni di rottame dagli USA tra aprile e maggio

Agenzia mineraria brasiliana fissa nuove regole per il monitoraggio delle dighe

Severstal punta a nuovi mercati partendo dal Brasile, di recente la prima vendita a CSN

USA: import di banda stagnata in crescita a maggio

Brasile annulla licenza a importatori che vendono finti prodotti malaysiani