Il governo brasiliano pensa a un aumento della tassa sulle estrazioni minerarie

venerdì, 06 agosto 2021 15:46:32 (GMT+3)   |   San Paolo
       

La camera bassa del parlamento brasiliano ha presentato una proposta di aumento della CFEM, ovvero la tassa sulle estrazioni minerarie, come parte della riforma fiscale del paese, attualmente in fase di discussione.

Celso Sabino, membro della camera dei deputati, ha proposto di far passare la CFEM tax dall'attuale 4% al 5,5%. Il denaro derivante dall'imposta sarebbe poi trattenuto dagli stati e dai comuni della federazione brasiliana. Attualmente, il governo centrale detiene il 10% della tassa e divide il resto con le amministrazioni locali.

Secondo un analista di Morgan Stanley, la tassa dovrebbe avere conseguenze marginali per aziende come Vale e la brasiliana Companahia Siderurgica Nacional (CNS), proprietaria dell’azienda estrattiva CNS Mineração.


Ultimi articoli collegati

Vale estrarrà meno iron ore di bassa qualità nel quarto trimestre

Vale e Jiangsu, protocollo di intesa per lo sviluppo di prodotti a basse emissioni CO2

Brasile: produzione di acciaio grezzo a +15,3% a settembre

ArcelorMittal Brasil, al varo nuovi investimenti per i prossimi tre anni

BHP Billiton non venderà la sua partecipazione in Samarco