Il Cile non imporrà dazi sul tondo messicano

giovedì, 09 maggio 2019 15:05:51 (GMT+3)   |   San Paolo
       

La Commissione cilena per la distorsione dei prezzi, CNDP, ha dichiarato che non raccomanderà l’imposizione di dazi antidumping sulle importazioni di tondo dal Messico. Questi erano stati richiesti dai produttori locali CAP Acero e Gerdau AZA, ex controllata cilena di Gerdau.

La CNDP ha inoltre concluso un’indagine antidumping sull’import di tondo messicano. La Commissione ha la facoltà di raccomandare o di sconsigliare l’imposizione di dazi antidumping. Il ministro della finanza cileno è invece l’autorità che ha il potere di applicare tariffe o dazi quando consigliati. Secondo la CNDP, le informazioni disponibili non consentono di determinare l’esistenza di danni o minacce al mercato cileno del tondo.

I prodotti soggetti alle indagini sono classificati ai codici HTS cileni 7213.1000, 7214.2000, 7227.9000 e 7228.3000. Deacero è l’unico esportatore messicano di tondo verso il Cile.

Verso la fine del 2016, la Commissione per la distorsione dei prezzi aveva fissato un dazio antidumping sulle importazioni di tondo dal Messico: a partire dal 17 settembre 2016, tali importazioni erano state sottoposte ad una tariffa ad valorem del 9,8% per il periodo di un anno. Il dazio fissato nel 2016 sostituiva una precedente tariffa provvisoria ad valorem dell'11%.


Ultimi articoli collegati

USA annunciano nuovi dazi su prodotti derivati dell'acciaio e dell'alluminio

JSW Steel, utile netto in diminuzione nei primi nove mesi dell'anno fiscale

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane