Il Canada aggiornerà la lista delle tariffe in risposta alla Section 232

mercoledì, 10 aprile 2019 15:05:38 (GMT+3)   |   San Diego
       

Secondo quanto riferito da David MacNaughton, ambasciatore canadese negli Stati Uniti, il Canada starebbe aggiornando la lista dei prodotti americani soggetti ai dazi ritorsivi in quanto i colloqui relativi alle esenzioni tariffarie non stanno progredendo. La lista aggiornata dovrebbe essere resa nota nel corso della prossima settimana.

MacNaughton ha dichiarato che nella nuova lista si aspetta di trovare “un elevato numero” di prodotti agricoli, tra cui mele, carne di maiale, etanolo e vino, sebbene sia troppo presto per elencare specifici prodotti.

L’ambasciatore ha affermato che l’obiettivo “non è peggiorare la situazione”. La nuova lista mira a sostituire le precedenti contro-tariffe che il Canada non ha applicato durante i suoi programmi di esenzione. Il Canada ha promesso controbattere dollaro per dollaro al momento dell’imposizione della Section 232 dello scorso anno, ma da allora ha rinunciato a più di 214 milioni di dollari di dazi doganali sui prodotti statunitensi. I funzionari del paese hanno dichiarato che potrebbero essere soggetti alle nuove tariffe ritorsive oltre 750 milioni di dollari (oltre 1 miliardo di dollari canadesi) di beni.

Il fatto che le importazioni siderurgiche di Canada e Messico non siano ancora state esentate dalle tariffe della Section 232 continua ad ostacolare la ratifica del nuovo accordo commerciale USMCA.

“Non sono in corso trattative al momento”, ha affermato MacNaughton; “Si stanno mantenendo posizioni che descriverei come attendiste”.


Ultimi articoli collegati

USA: confermati i dazi sulla vergella proveniente da cinque paesi

USA: avviate indagini sull'import di tubi senza saldatura da quattro paesi

USA mantiene dazi sull'import di ferrovanadio proveniente da Cina e Sudafrica

USA: avviate indagini antidumping e anti-sussidi sulla rete metallica messicana

USA: restano in vigore i dazi antidumping e antisussidi sugli OCTG da cinque paesi